BERSANI IN SICILIA PER LE RAGIONI DEL NO AL REFERENDUM

 

 

BERSANI IN SICILIA PER LE RAGIONI DEL NO AL REFERENDUM –

L’ex segretario del Pd Pierluigi Bersani, ieri, nel corso dell’intervento conclusivo della Leopolda, pur non essendo direttamente chiamato in causa, è stato più volte citato in causa da segretario nazionale Matteo Renzi.
Pierluigi Bersani a margine di un confronto organizzato nell’aula magna della facoltà di Giurisprudenza dell’università di Palermo ha commentato quanto avvenuto nella platea della riunione renziana alla Leopolda: “Non mi interessano i tifosi leopoldini che urlano ‘fuori, fuori, fuori’, ma tutti gli altri che stanno zitti. Questo non va bene. Sono abituato a una politica diversa. Io non voglio niente, vorrei poter dire la mia finché è consentito parlare”.
Inoltre, l’ex segretario del Pd ha evidenziato con “grande amarezza” le sorti di “un partito che sta camminando largamente su due gambe: arroganza e sudditanza. E cosi’ non si va da nessuna parte”.
Bersani in riferimento al tema referendario e con più evidenza entrando nel dibattito politico ha criticato l’eccessiva centralità che ha assunto il referendum nella vita quotidiana dei cittadini: “Nelle famiglie si parla d’altro, dovete dirmi voi cosa devono fare i milioni di giovani che non sanno dove sbattere la testa per trovare un lavoro. Bisogna tornare con i piedi per terra e sdrammatizzare questo referendum perché impostandolo cosi’ perdiamo tutti, troviamo un Paese più diviso e gente ancora più distaccata”.
Pierluigi Bersani in Sicilia argomenterà sulle ragioni del No al referendum costituzionale. Come primo appuntamento Bersani parlerà nell’aula magna della facoltà di Giurisprudenza dell’università di Palermo. Poi nel pomeriggio si trasferirà nel sud est della Sicilia dove è programmato un intervento al centro Feliciano Rossitto di Ragusa. Si bersani_renzisposterà infine alle ore 19 a Siracusa dove sarà introdotto dall’assessore regionale alla Formazione, Bruno Marizano e dal deputato Pippo Zappullà.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*