FUNERALI PRIVATI A CATANIA PER EUGENIO RUSCICA

 

 

FUNERALI PRIVATI A CATANIA PER EUGENIO RUSCICA –

La Questura di Catania per motivi di ordine pubblico ha disposto che le esequie di Eugenio Ruscica (soprannominato Bananedda), si celebreranno domani mattina in forma privata. Il senatore Mario Giarrusso, componente del M5s in commissione Antimafia, in aula aveva chiesto “l’intervento del ministero dell’Interno” per “impedire uno scempio annunciato” ed “evitare un’esibizione di forza e illegalità.
Il funerale del sedicenne figlio di un pregiudicato locale (Banana) erano stati programmati per oggi. Il ragazzino era deceduto venerdì sera in un incidente stradale in via Duca d’Aosta a Catania mentre era alla guida di uno scooter che si è scontrato con un’auto.
Il senatore 5stelle ha ribadito: “Trasformare il funerale di un ragazzo in una esibizione di forza e illegalità è inammissibile e intollerabile”. L’esponente del movimento 5 stelle ha citato come riferimento le: “notizie di stampa sulle modalità dello svolgimento dei funerali, con cortei di motocicli, fuochi d’artificio e negozi chiusi”. Inoltre ha affermato che: “Catania non è una città sudamericana e noi non viviamo in un narcostato, ma in uno Stato di diritto. Una città civile non merita questo affronto”.
Giarrusso in Aula ha riferito secondo quanto aver appreso che, i negozi di un intero quartiere di Catania sono stati costretti a chiudere le saracinesche tutto il giorno in segno di lutto, in concomitanza dei funerali del ragazzo. Il senatore ha funerali_ruscicaspiegato: ” Appena venuto a conoscenza dei fatti sono intervenuto in Aula chiedendo l’intervento del ministero dell’Interno, affinché venga impedito questo scempio annunciato”.
In conclusione l’esponente 5stelle ha detto: “Non si scriva domani che non si sapeva e che si è rimasti sorpresi e indignati. E’ adesso che lo Stato deve dimostrare chi comanda a Catania; domani si potranno cercare solo i responsabili. E’ adesso che si deve dimostrare che a Catania l’illegalità e la mafia non la fanno da padroni. Chiederemo conto, a tutte le autorità preposte, di quanto accaduto e sopratutto di quanto accadrà più tardi. Speriamo di non doverci vergognare della nostra città”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*