PALERMO, ARRESTATO AGENTE, TALPA DI UNA BANDA DI RAPINATORI

 

 

PALERMO, ARRESTATO AGENTE, TALPA DI UNA BANDA DI RAPINATORI –

L’indagine è partita dalla Squadra Mobile di Udine su un gruppo di rapinatori specializzati in assalti ai danni di istituti di credito del Nord Italia, in particolare della provincia di Udine. Su richiesta del procuratore Aggiunto, Bernardo Petralia e dei Sostituti Procuratori, Francesco Del Bene e Maria Teresa Maligno il gip presso il Tribunale di Palermo, Roberto Riggio ha emesso i provvedimenti per: Giuseppe Prestigiacomo, 42 anni, lavorava all’Antirapina e poi al reparto Mobile, il poliziotto è stato relegato ai domiciliari; Pietro Madonia, 45 anni, di Ballarò, arrestato per rapina e in atto detenuto agli arresti domiciliari nella sua casa all’Albergheria; Vito Leale, 54 anni, di Ballarò, detenuto per rapina e stupefacenti rinchiuso nel carcere di Sciacca; Guido Riccardi, 31 anni, del Capo, arrestato per rapina e detenuto a Trieste; Rosolino Lo Iacono, 44 anni, del quartiere Villagrazia, arrestato per rapina e detenuto a Trapani, anche la moglie, Deborah De Lollis, 47 anni, incensurata. I rapinatori erano specializzati nei colpi alle banche con la tecnica del buco.
Gli inquirenti durante l’ascolto di intercettazioni hanno scoperto che il gruppo di rapinatori aveva all’interno del corpo di polizia una “talpa” che dietro compenso in denaro, aveva fornito ai ladri informazioni di indagini sul loro conto e in particolare su quelle relative a una rapina che stavano per compiere ai danni di un istituto di credito della città di Udine. La Procura della Repubblica di rapina_bancaUdine ha trasmesso i verbali delle registrazioni tra i rapinatori al reparto mobile di Palermo diretta da Rodolfo Ruperti. Gli investigatori sono riusciti a raccogliere gravi indizi circa l’episodio di corruzione che vedeva coinvolto il poliziotto, il quale avrebbe ricevuto imprecisate somme di denaro dai rapinatori arrestati oggi in cambio di informazioni su indagini sul loro conto da parte della polizia. L’indagato Prestigiacomo avrebbe, inoltre, rassicurato il gruppo che non c’era attività di intercettazione tecnica sugli autoveicoli di uno degli arrestati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*