RISSA ALLA FIERA DI BIANCAVILLA, FERITO CARABINIERE

 

 

RISSA ALLA FIERA DI BIANCAVILLA, FERITO CARABINIERE –

Biancavilla.  Rissa in un mercatino abusivo degli animali in provincia di Catania dove manifestavano degli attivisti dell’associazione Animalista “Lav”. Mattinata domenicale all’insegna della violenza più vergognosa a piazza San Placido a Biancavilla dove illegalità e violenza hanno contraddistinto la fiera degli animali totalmente abusiva con una quindicina di allevatori.Un carabiniere era intervenuto in soccorso di alcuni animalisti che contestavano la tenuta del mercato. I maresciallo dell’arma è stato aggredito, mentre eseguiva un arresto, minacciato con un bastone è stato poi colpito violentemente alla testa con le sue stesse manette. Angelica Petrina, responsabile della Lav è stata presa a schiaffi, trascinata a terra e riempita di calci, tra sputi, insulti e minacce. Analogo trattamento per l’avvocato Pilar Castiglia, legale dell’associazione. Oltre ad essere percosse, le persone sono state derubate dello smartphone e delle borse.
Forte la denuncia del Presidente della Sezione Provinciale Enpa di Catania Cataldo Paradiso e il Commissario della Sezione Enpa di Adrano Salvatore La Rosa che scrivono: “E’ vergognoso quello che è successo, l’illegalità vuole trionfare approfittando delle inadempienze istituzionali. Nessuna prevenzione è stata messa in atto, pecore, mucche, cavalli ammassati, maiali e furetti chiusi in gabbie strettissime. Ricordiamo al sindaco che la vigilanza zoofila è un suo preciso obbligo imposto dalla legge e che non siamo più disposti a tollerare l’illegalità diffusa in danno degli esseri deboli ed indifesi. I responsabili sono persone note e forniremo ai carabinieri, che ringraziamo per il loro intervento, tutte le informazioni utili alla loro identificazione”. L’Enpa si costituirà parte civile negli instauranti procedimenti penali.
Il sindaco Pippo Glorioso in riferimento al violento episodio di ieri ha diramato la seguente nota: “Respingiamo con forza e fermezza ogni forma di violenza nei confronti di tutti, a maggior ragione nei confronti di chi è tutore dell’ordine pubblico e presidio di legalità, come i Carabinieri, così come nei confronti degli animalisti. Non si mettono le mani addosso a nessuno. Non viauto_carabinieri3 era, ovviamente, alcuna autorizzazione e ciò non riduce la gravità del fatto. Ho già incontrato il maresciallo coinvolto e ho espresso la vicinanza di tutti. Già in questi giorni sono stati allontanati alcuni abusivi e si rafforzerà ulteriormente l’azione di controllo, con gli organi preposti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*