CRISI AMT CATANIA: SCIOPERO IL 5 LUGLIO

 

 

CRISI AMT CATANIA: SCIOPERO IL 5 LUGLIO –

Crisi Amt Catania: Sciopero generale il 5 luglio. Senza stipendi e con autobus obsoleti i lavoratori apettano i soldi della Regione. La mensilità di giugno ancora non è stata liquidata e i lavoratori dell’Amt di Catania sono in agitazione. La mensilità per il momento non è disponibile, perché l’azienda non ha denaro in cassa per poter erogare gli emolumenti agli oltre 700 dipendenti. Stamane, giorno di paga è quanto si apprende dai vertici aziendali che hanno reso nota la difficoltà di procedere con la corresponsione delle spettanze, in quanto si è ancora in attesa del trasferimento di somme da parte del Comune. Una decisione che non coglie di certo di sorpresa le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e Ugl e i lavoratori e inizia ad accrescere preoccupazione e sgomento.
Alessandro Grasso della Filt Cgil, Mauro Torrisi della Fit Cisl, Franco Di Guardo della Uil trasporti e Giuseppe Scannella della Ugl trasporti autoferrotranvieri con una dichiarazione congiunta affermano: “Dall’inutile seduta straordinaria del Consiglio comunale a oggi abbiamo assistito a una totale latitanza da parte dell’amministrazione comunale sulle questioni che interessano da vicino l’immediato futuro da parte dell’Azienda Metropolitana Trasporti”.
Inoltre i rappresentanti delle quattro sigle sindacali aggiungono: “Prova ne è che dei 9 milioni arrivati di recente dalla Regione, all’azienda sono stati trasferiti soltanto 4,5 milioni. Ci chiediamo, quindi, che fine hanno fatto i soldi già stornati all’Amt e la rimanente somma che il Comune deve ancora stornare? Non è possibile che l’inerzia gestionale debbano pagarla in primo luogo i nostri lavoratori che continuano a svolgere il servizio responsabilmente con diligenza e senso del dovere. Siamo sempre più preoccupati perché, nonostante l’intervento della Regione Siciliana, a palazzo degli Elefanti si continua a ignorare quello che, senza un deciso e forte intervento, rischia di diventare velocemente una bomba sociale”.
Infine i sindacalisti concludono: “Quello di oggi è un segnale, da non sottovalutare, di come l’inerzia amt_catania_crisi_striscioniamministrativa può creare notevoli disagi al personale impiegato e all’intero servizio di trasporto pubblico locale. Facciamo, dunque, appello al sindaco Bianco affinchè prenda subito seri provvedimenti per consentire all’Amt di cambiare passo per cominciare a risolvere concretamente le innumerevoli problematiche oggi esistenti, a partire da una certa erogazione degli stipendi degli impiegati”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*