SCIOPERO AMT A CATANIA, CITTÀ IN SUBBUGLIO

 

 

SCIOPERO AMT A CATANIA, CITTÀ IN SUBBUGLIO –

Sciopero Amt a Catania. Il personale dell’azienda metropolitana trasporti di Catania ha proclamato  otto ore di sciopero. Quindi, oggi i bus dell’Amt si fermeranno a partire dalle 10 fino alle 18, nel contempo una parte dei dipendenti terranno un sit-in nello spazio adiacente alla sede dell’azienda.  Prenderanno parte alla manifestazione i sindacati Cisal e Confsal, mentre un’altra parte del personale manifesterà in corteo fino in Prefettura.
Quella di oggi è una giornata caotica per i trasporti pubblici, per i cittadini si prospettano disagi. Invece, per i lavoratori dell’azienda metropolitana trasporti e per i sindacati che chiedono risposte concrete, è un momento importante per il loro lavoro. I lavoratori chiedono alle istituzioni che venga trovata una soluzione per salvare l’azienda e l’occupazione. In una nota la Cgil scrive: “L’Amt conta una decina di milioni di debiti che la Regione ha smesso di pagare da almeno un anno, ed è urgente dare seguito a quanto concordato nei mesi scorsi con l’amministrazione comunale: subito un ‘tavolo di lavoro’ sul trasporto Amt con l’assessore regionale Pistorio, deputati regionali, Regione, Comune e parti sociali. La richiesta è stata più volte reiterata dai sindacati senza ottenere alcun seguito. È di questi giorni la notizia che se non saranno adeguati i chilometraggi e i relativi fondi collegati, gli esuberi in pianta organica saranno inevitabili”.
Quindi, una ipotesi al vaglio potrebbe essere un intervento sulla pianta organica e sacrificando una parte dei lavoratori. Secondo il cosiddetto piano B esposto dell’assessore al ramo Girlando, una possibile risoluzione del problema che possa dare sollievo economico all’azienda e quindi evitare non possano uscire i mezzi perché guasti, come successo nelle ultime settimane, sarebbe quella di applicare i contratti di solidarietà ai dipendenti. Ipotesi che i sindacati respingono con fermezza. In merito, Giovanni lo Schiavo Fast Confsal spiega: “Chiediamo scusa ai cittadini. Sin dall’inizio la nostra battaglia ha avuto come unico scopo la salvezza dell’Amt, patrimonio di tutta la città. Ci batteremo affinché non siano i dipendenti a subire le conseguenze di una gestione che, fino a due anni fa, ha assunto autisti. Ci facciano capire come hanno fatto dal momento che già allora la AUTOBUS_CATANIAsituazione economica era delicata. Delle due, l’una o ci hanno preso in giro all’epoca, o lo stanno facendo adesso”. I sindacalisti non perdono la speranza, e chiedono alle istituzioni e al primo cittadino che è garante, di lasciar perdere le promesse e Trovare soluzioni concrete per rimettere in sesto l’azienda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*