AGGUATO CONTRO ANTOCI, AGENTE DI SCORTA LO SALVA

 

 

AGGUATO CONTRO ANTOCI, AGENTE DI SCORTA LO SALVA –

Agguato contro Antoci che stava rientrando in auto da Cesarò, dove aveva partecipato la scorsa notte a una manifestazione. Insieme a lui viaggiava anche l’agente di scorta. Mentre il veicolo percorreva la statale San Fratello-Cesarò, sconosciuti hanno fatto fuoco contro la vettura del presidente del parco dei Nebrodi. Il poliziotto ha prontamente risposto con la sua arma di ordinanza mettendo in fuga il commando che era formato da due persone. Il fatto è accaduto lungo la strada statale che collega San Fratello a Cesarò, in provincia di Messina. Oltre all’agente della scorta, al conflitto a fuoco è stato coinvolto anche l’equipaggio di un secondo mezzo della Polizia con a bordo il dirigente del commissariato di Stato di Sant’Agata di Militello Daniele Manganaro.
Il presidente e l’agente sono stati condotti per precauzione all’ospedale di Sant’Agata Militello, ma non ci sono feriti. Antoci, da alcuni anni alla guida del Parco dei Nebrodi, ha segnalato il vorticoso giro di antoci_agguatodenaro in mano alle associazioni mafiose e qualcuno gli aveva spedito dei proiettili come avvertimento. Sono in corso le indagini che sono condotte dalla polizia, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Messina.
Il presidente del parco dei Nebrodi a poche ore dall’attentato esprime la sua gratitudine ai poliziotti chehanno messo in fuga i killer: “Il mio grazie alla Polizia di Stato per avermi salvato la vita”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*