SCIOPERO AL TEATRO STABILE, BLOCCATI GLI SPETTACOLI

 

 

SCIOPERO AL TEATRO STABILE, BLOCCATI GLI SPETTACOLI –

Sciopero al Teatro Stabile di Catania. In merito alla visita degli ufficiali giudiziari nei locali della sala Verga in via Giuseppe Fava che hanno creato momenti di sgomento tra le maestranze del Teatro Stabile di Catania. Le maestranze dell’ente, costatata la situazione precaria per proseguire gli spettacoli hanno proclamato uno sciopero. Quindi annullati tutti gli spettacoli in cartellone.
Lo stato di crisi è iniziato mentre era in corso uno spettacolo dedicato alle scuole, quando dei funzionari inviati dal Tribunale di Catania, avrebbero effettuato un primo sopralluogo con lo scopo di procedere ad un parziale pignoramento dei beni. Si tratta di una vicenda grave che si è acutizzata negli ultimi giorni, ma di cui si aveva già qualche sentore. Infatti, da tempo, i sindacati manifestavano una seria preoccupazione in merito all’inevitabile esecutività dei provvedimenti ingiuntivi che incombevano sull’ente.
I rappresentanti delle sigle Fistel Cisl, e Ugl spettacolo di Catania, Antonio D’Amico, segretario generale Fistel Cisl e Cosimo Fichera segretario provinciale Ugl spettacolo, sono intervenuti con una nota in merito alla drammatica vicenda: “Il teatro stabile è arrivato al capolinea. Chiediamo urgentemente un tavolo di crisi nel tentativo di salvare il salvabile visto che proprio in queste ore gli ufficiali giudiziari stanno pignorando nella sala Verga di via Fava – affermano i delegati sindacali – E’ evidente che l’attuale disastro economico e finanziario dell’ente sia il risultato di una mala gestione delle risorse economiche. Da tempo auspichiamo che le istituzioni facciano la dovuta chiarezza a proposito della gestione dei fondi pubblici di cui il teatro ha usufruito. Il Cda dal canto suo ci è sembrato abbia svolto un ruolo di merastabile_proclamato_stop_spettacoli ratificazione delle spese affrontate dall’ente, esercitando uno scarso controllo analitico sui singoli capitoli di spesa dei bilanci. Pretestuosamente si è dato la colpa ai tagli”. In conclusione D’Amico e Fichera aggiungono: “Finora abbiamo atteso invano l’attuazione di un piano di rientro per arginare le conseguenze derivanti dalle situazioni debitorie che insistono sul teatro. Bilanci e rendiconti rimangono ancora avvolti nel mistero. Nutriamo comunque la massima fiducia verso il neo eletto presidente del Cda, Salvatore La Rosa. Ci auguriamo, riesca a trovare il modo per risolvere questa situazione così grave”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*