INCHINO A BOSS, VESCOVO STOP A PROCESSIONI. 10 INDAGATI

 

 

INCHINO A BOSS, VESCOVO STOP A PROCESSIONI. 10 INDAGATI –

Inchino a boss. La maggior parte dei portatori della bara di Cristo Morto di San Michele di Ganzaria risultano iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Caltagirone: nell’elenco più di dieci persone. L’iscrizione è avvenuta, come atto dovuto, in base alla prima informativa depositata dai carabinieri della compagnia di Caltagirone. Dopo le polemiche sulla manifestazione religiosa del Venerdì Santo, il vescovo di Caltagirone, mons. Calogero Peri, ha deciso di “sospendere temporaneamente tutte le processioni”. Per mons. Peri: “Dopo quanto avvenuto è necessario fermarsi, la magistratura farà chiarezza sull’intera vicenda”. Il vescovo ha puntualizzato che: “Nelle feste, è chiaro che la processione rappresenti un momento forte per la pietà popolare e di grande visibilità. La processione è, però, espressione di un sentimento di fede se nasce dalla liturgia e se si nutre dei suoi valori. In altro modo è una manifestazione di folclore che, seppur antropologicamente giustificabile, rischia di non condurre a Cristo. In merito al fatto mons. Peri interviene: “Sui passaggi ‘incriminatì faranno adesso luce le autorità competenti”. Sempre mons. Peri, ritorna sulla questione e dice: “ In questo momento, per ovvie ragioni, ritengo di non dover dire alcunché sulla questione del presunto ‘inchino od omaggio. Ho pieno rispetto e fiducia nel lavoro dei carabinieri e della Procura. È però mio dovere, qualora se ne ravvisasse il pericolo, difendere la fede e la tradizione popolare da tutto ciò che è antievangelico”.
Intanto, dalle indagini effettuate dagli investigatori e dai filmati effettuati dai militari dell’Arma, la bara si è staccata dal corteo principale deviando la marcia, bara_Cristo_Morto_sam_michele_di_ganzarianonostante il forte dissenso del sindaco, il parroco e il comandante della stazione dei carabinieri. La bara del Cristo Morto e chi la portava sono rimasti mezz’ora nelle vicinanze dove è ubicata l’abitazione del boss detenuto Francesco La Rocca, accolta da lunghi applausi. Per molti fedeli rispettosi della tradizione popolare, il corteo non ha rispettato il percorso storico, il parroco aveva quest’anno per la prima volta modificato il passaggio, per gli investigatori è stato fatto un omaggio al boss, anche senza inchino. Senza entrare nel merito dell’inchiesta il procuratore Giuseppe Verzera “Quello che è accaduto a San Michele di Ganzaria è un fatto di una inaudita gravità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*