FALSI INCIDENTI STRADALI 10 ARRESTI

 

 

FALSI INCIDENTI STRADALI 10 ARRESTI –

Falsi incidenti stradali. I provvedimenti di arresto sono stati emessi dal gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura Distrettuale, ed eseguiti dal personale del Centro Operativo Dia del capoluogo siciliano, con la collaborazione del Centro Operativo Dia di Napoli. Gli agenti di Palermo hanno arrestato dieci persone, tra cui un ex collaboratore di giustizia. Sono accusati di avere organizzato numerose truffe ad assicurazioni e società finanziarie. Otto degli indagati sono stati tradotti in carcere e due ai domiciliari. Le indagini sono scattate da una denuncia presentata proprio da Salvatore Candura ex collaboratore di giustizia che aveva segnalato di aver ricevuto minacce in seguito alla sua collaborazione con l’autorità giudiziaria. Da accurati accertamenti è, invece, emerso come il pentito fosse il regista delle truffe e il punto di riferimento del gruppo, nell’ambito del quale si era imposto per la spregiudicatezza e per la capacità di organizzare, promuovere e dirigere un complesso e collaudato sistema che, attraverso finti sinistri stradali, avrebbe consentito ai componenti dell’organizzazione di ottenere ingenti risarcimenti per i gravissimi danni fisici cagionati alle “vittime”: sfregi al viso, rottura di articolazioni. Ogni sinistro fruttava all’organizzazione, in media, dai 20 ai 30 mila euro per un totale di svariate centinaia di migliaia di euro, non considerando i costi sostenuti dal Servizio Sanitario Nazionale per le cure da prestare alle persone coinvolte. In merito alla vicenda gli inquirenti evidenziano: “Le odierne misure assumono quindi una particolare rilevanza soprattutto in ragione del fatto che l’associazione, proprio in ragione arresti_dda_dell’efferatezza e della crudeltà dimostrata, avrebbe sicuramente potuto, nel tempo, compiere gesti sempre più estremi, mettendo addirittura a repentaglio la vita delle vittime”. Tra gli arrestati, l’ex collaboratore di giustizia Salvatore Candura, 55 anni, palermitano, ritenuto l’ideatore del sistema ed organizzatore di tutti i sinistri stradali trattati, già condannato nel 2015 a nove anni di reclusione dalla Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta per false dichiarazioni rese nell’ambito del procedimento penale sulla cosiddetta “Strage di via D’Amelio”. I palermitani raggiunti dal provvedimento restrittivo risultano essere: Maurizio Furitano, 46 anni; Pietro Carollo, 57 anni; Francesco Paolo La Mattina 23 anni; Michele Todaro, 25 anni e Davide Scafidi, 34 anni. I campani sono: Luigi D’Onofrio, 45 anni; Anna Campagna, 35 anni e Luciano Rinaldi, 44 anni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*