FALLIMENTO WIND JET, PULVIRENTI INTERROGATO

 

 

 

FALLIMENTO WIND JET, PULVIRENTI INTERROGATO –

Fallimento wind jet. Antonino Pulvirenti è stato interrogato e ha risposto alle domande del gip Giuliana Sammartino. Il presidente della compagnia aerea è agli arresti domiciliari per bancarotta fraudolenta nell’ambito dell’inchiesta sui bilanci della Wind Jet. A conclusione dell’interrogatorio di garanzia, all’interno del Palazzo di giustizia di Catania il suo avvocato, Giovanni Grasso, ha spiegato che “Pulvirenti ha sostenuto Wind Jet con un capitale sociale, con il finanziamento dei soci e con un’altra serie di iniziative. E all’interno di questa società non ci sono state operazioni distrattive. Non c’è stato alcun artificio contabile, ma un apporto economico reale”. Grasso ha inoltre intervenuto pulvirenti_antonino_fermodicendo che Pulvirenti: “E’ stato un imprenditore che ha fatto scelte aziendali sbagliate che ha pagato sul piano economico. Tutte operazioni sono infatti assolutamente pulite”. Sentito oggi, Angelo Agatino Vitaliti, componente del consiglio di amministrazione della Wind Jet che ha risposto alle domande del giudice. Un terzo indagato, Vincenzo Patti, presidente del collegio dei sindaci della compagnia aerea, si è invece avvalso della facoltà di non rispondere. Intanto, il collegio di difesa di Pulvirenti chiederà al gip la revoca dell’ordinanza cautelare che dispone gli arresti domiciliari. Nell’indagine ‘Icaro’ della guardia di finanza del comando provinciale di Catania è indagato anche Stefano Rantuccio, amministratore delegato di Wind Jet che sarà interrogato il prossimo mercoledì e si trova anch’esso agli arresti domiciliari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*