ETNA: IL VULCANO SI RISVEGLIA

 

ETNA: IL VULCANO SI RISVEGLIA –

Etna. Il vulcano dopo alcuni mesi ha ripreso la sua attività nel nuovo cratere di Sud-Est dell’Etna. Attualmente, dopo circa tre mesi e mezzo di quiete eruttiva, ha ripreso con una debole fase stromboliana. Il vulcano è costantemente sorvegliato dalle telecamere ad alta sensibilità poste sulla Montagnola dall’Ingv ieri all’alba le immagini mostravano deboli bagliori provenienti dalla parte orientale del nuovo cratere. L’attività si è gradualmente intensificata generando anche piccole anomalie nelle immagini delle telecamere termiche sulla Montagnola ed a Monte Cagliato.

Secondo i tecnici La fonte principale si trova nella parte orientale della depressione craterica del cratere di Sud-Est, mentre ogni tanto si attiva anche una seconda bocca nella parte centrale del cratere. Con l’aumento dell’attività è stato rilevato anche un lento aumento dell’ampiezza media del tremore vulcanico accompagnato dalla tipica superficializzazione della sorgente del tremore vulcano, che si è anche spostata da una posizione al centro dell’area sommitale. Nella notte del 2 maggio la ripresa dell’attività eruttiva è stata preceduta da un improvviso aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico e un degassamento intenso e pulsante che proviene dalla voragine. Alla ripresa delle manifestazioni del vulcano si sono resi visibili dei fenomeni eruttivi, poi dopo, e dopo i tremori che avevano destato interesse sono rientrati su valori normali. A tutt’oggi la fase di degassamento continua. Gli scienziati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia tengono sotto controllo le varie fasi del vulcano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*