UNESCO: REPORT SALUTE SITI, ETNA BENE, EOLIE UN PO’ MENO

 

UNESCO: REPORT SALUTE SITI, ETNA BENE, EOLIE UN PO’ MENO –

Unesco. Da un sondaggio effettuato dall’Unione internazionale per la conservazione della natura(Unesco), l’Etna sta abbastanza bene. Dalla prima valutazione globale dello stato di salute dei 228 siti naturali definiti patrimonio dell’umanità dall’Unesco, emerge che poco meno di due terzi – e tra questi anche quelli in territorio italiano – sono ritenuti in condizioni buone o quanto meno non preoccupanti. Mentre il 37% è indicato in grave pericolo, a causa del bracconaggio e soprattutto del cambiamento climatico e la presenza di specie invasive. Questo è quanto sostiene il nuovo rapporto dell’Iucn (Unione internazionale per la conservazione della natura). All’interno del report Unesco si evidenzia come il 63% delle aree naturali risulta essere “ben conservato”; in particolare il 21% dei siti ha una “buona prospettiva di conservazione” e il 42% viene classificato come in “buono stato con alcune preoccupazioni”. Nella prima categoria figura l’Etna (oltre al Monte San Giorgio, le cui pendici toccano l’Italia, ma il cui patrimonio paleontologico si trova interamente in Svizzera), nella seconda sono stati inseriti sia le Dolomiti sia le Isole Eolie. Per l’occasione, il 29% dei siti naturali viene descritto “con preoccupazioni significative” e l’8% valutato addirittura in “pericolo critico” e che “necessita di urgenti azioni”. Tra i molti valori che questi luoghi possiedono, la biodiversità si trova ad essere il settore in cui è più alto il livello di pericolo.

In occasione del Congresso mondiale dei parchi che si è tenuto a Sydney il report è stato presentato ufficialmente. Finora solo metà dei siti erano stati regolarmente monitorati attraverso la convenzione apposita dell’Organizzazione delle nazioni unite per l’educazione, la scienza e la cultura. Molti dei tesori naturali maggiormente minacciati si trovano in Africa, primi fra tutti il Parco nazionale del Virunga, dove vive circa la metà dei gorilla di montagna restanti al mondo, e il Parco nazionale del Serengeti in Tanzania. Tra gli altri luoghi che suscitano non poche preoccupazioni (sotto la categoria “significant concern”) rientrano la Grande barriera corallina in Australia, il parco nazionale delle Everglades in Florida, Machu Picchu in Perù e il Parco nazionale di Sundarbans in India, che ospita una popolazione di tigri in via di estinzione. In Europa nessun sito comunque appare in “pericolo critico”. Quindi nel ‘vecchio continente’, la motivazione negativa che si evince riguarda in particolare il turismo e l’inquinamento delle acque come principale causa dei problemi per i siti naturali patrimonio dell’umanità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*