CALCIO SERIE A: PULVIRENTI, “VOGLIAMO GIOCARCI LA SERIE A FINO ALLA FINE”

Calcio serie A. Torre del Grifo: conferenza stampa del Presidente Pulvirenti. Il numero uno rossoazzurro ancora una volta con tono deciso risponde alle domande dei giornalisti nei momenti di difficoltà.

Non era il caso di tenere Maxi Lopez?

Per motivi personali e che già sapete era il caso di cederlo. Un giocatore che viene in ritiro con 10 kili in più… Abbiamo delle alternative in quel ruolo come Leto e Castro e possiamo pure utilizzare Petkovic. Bergessio se continua a giocare è perchè rispecchia il vero animo del Catania, lo scorso anno ha giocato col dito del piede rotto per quattro partite. Noi abbiamo venduto Lodi e abbiamo acquistato un alternativa ad Almiron come Tachtisidis e oltre lui abbiamo preso Guarente e Plasil.

Come immaginate questo finale?

Io sono convinto che giocando al massimo possiamo giocarcela con chiunque. Vogliamo giocarci la Serie A fino alla fine.

Guardando il calendario, cosa pensa?

Sassuolo è una tappa fondamentale. Poi arrivano le partite proibitive, sulla carta.

Da ciò che si sente in giro, pare che ci sia una rottura all’interno dello spogliatoio.

Di Maxi non parlo. Tachtisidis è un ragazzo, ha fatto una dichiarazione banale.

Rimanere in serie A, perchè crederci?

Perchè come crea il Catania non crea nessuno. Il Catania è una squadra forte e farà bene.

Si sente deluso dai tifosi? Si aspettava più calore? Forse è la conseguenza di tutti gli allenamenti a porte chiuse..

Io sono deluso da voi, mi aspettavo di più. Vedo troppa superficialità.

Chiariamo la situazione Alvarez, e cosa la gente non ha capito di Cosentino?

Alvarez ha 29 anni e gli è stato proposto un prolungamento, che ha rifiutato. Cosentino non parla, lavora. Si occupa del mercato e ha fatto un ottimo lavoro.

A Genoa il Catania non ha fatto bene, si poteva valutare Petkovic in quella gara?

Ci aspettavamo di più da Petkovic, è vero.

Almiron non stava bene manco la scorsa stagione..

Lui ha iniziato la preparazione benissimo, come un ragazzino.

Il Chievo si è cacciato fuori dai guai? Su quale squadra punta il Catania?

Il Catania punta sul Catania stesso. Dobbiamo lavorare sulle nostre potenzialità. Catania è una società che lavora molto sul progetto nonostante la difficile situazione di classifica. Potrà accadere lo stesso.

Dove sarà costruito lo stadio?

Non ve lo dirò mai, ma non a Librino.

Crede che il record dell’anno scorso abbia influito su questo campionato?

Si sulla mentalità. Abbiamo sbagliato l’approccio.

Come vede il nervosismo messo in campo da alcuni giocatori?

Il nervosismo è figlio di una delicata situazione. Non dobbiamo alimentarlo, dobbiamo stare tutti uniti.

Questa società ha abituato a programmare tutto con largo anticipo, si continuerà con lo stesso organigramma?

Quando abbiamo firmato per lo stadio eravamo ultimi. Il presidente resta, spero anche gli altri. Per quanto riguarda i calciatori il Catania quest’anno si è arricchito molto.

Cosa rispondiamo a chi dice che questa squadra non ha un leader?

Non rispondiamo.

Antenucci?

In Serie A non ha mai fatto bene. Ma valuteremo quando sarà il momento.

Il Catania ultimamente ha sempre reagito allo svantaggio..

Questo è un discorso che va fatto all’allenatore. Le partite sono fatte di episodi, con il Cagliari abbiamo fatto la partita ma un gol condiziona tutto. Non sempre ciò che prepari riesce la domenica.

Si soffre più sul campo o in tribuna?

In tribuna, in campo mi sfogo di più.

Nonostante la difficile situazione in classifica, il Catania ha la salvezza a un passo..

Manca una vittoria importante che faremo nelle prossime tre.

Castro quest’anno ha avuto una flessione..

Ha avuto due brutti infortuni. Non sta dando il rendimento che speravamo, forse dipende anche dal sistema di gioco.

Lei che è amico di Lotito, come avrebbe reagito a questa situazione?

Le critiche non fanno piacere, ma ci stanno, ma questo è anche il bello del calcio. Con Lotito la situazione è un po’ sfuggita di mano, cammina solo con la scorta. Lui andrà avanti per la sua strada.

Keko può rinnovare?

Tra poco si incontreranno il suo procuratore e Cosentino. Leto sta recuperando da un infortunio, stiamo valutando se confermarlo.

Vi sentite un po’ bistrattati dagli arbitri?

Non credo al discorso della malafede. Si può sbagliare.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*