NISCEMI (CL): TENTA DI UCCIDERE LA MOGLIE E POI SI SPARA

Niscemi. L’obiettivo era uccidere la moglie. Giuseppe Incarbone, 52 anni, ieri sera in preda a follia omicida, si è recato nel bar dove lavora la moglie  – dalla quale si era separato da poco – e le ha sparato 5 colpi di pistola, mancandola, ma ferendo i proprietari del locale che tentavano di fermarlo. Poi è tornato a casa e si è sparato alla testa. Ora  Incarbone è in coma, in gravissime condizioni. L’uomo è stato trasportato al Civico di Palermo dove si trova ricoverato in rianimazione. La moglie, Rosangela Lodato, 49 anni, durante la sparatoria è rimasta, fortunatamente illesa. I due feriti sono, il proprietario del locale, Francesco Ferrera, 54 anni, colpito al torace, che è stato trasferito al Cannizzaro di Catania, e la moglie del ristoratore, Gina Di Vincenzo, 53 anni, è stata operata all’addome nell’ospedale di Gela. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, effettuata dal commissariato di polizia di Niscemi, Francesco Ferrera, proprietario del bar avrebbe invitato i due ad andare a discutere fuori. Per tutta risposta, il panettiere gli avrebbe sparato tre colpi di pistola al collo, alla clavicola e al torace. La moglie del ristoratore, Gina Di Vincenzo, che si trovava in cucina, sentiti gli spari sarebbe accorsa in sala e vedendo il marito ferito e sanguinante, avrebbe inveito contro Incarbone, che ha sparato altri due colpi contro di lei. Una telecamera del sistema di video sorveglianza dell’edifico di fronte al ristorante ha ripreso alcune scene. I due feriti sono fuori pericolo.

I coniugi Incarbone si sono separati dopo 35 anni di matrimonio dal quale sono nati quattro figli, due dei quali sono già sposati. La ex di Incarbone si è salvata rifugiandosi nel bagno dell’esercizio commerciale. Si pensa che il violento raptus sarebbe scattato dopo la notifica del provvedimento ufficiale di separazione. Forse gelosia e questioni di interesse, avrebbero indotto il panettiere a commettere il folle gesto finito in tragedia e convincere la moglie a tornare con lui oppure a consentirgli di occupare una delle stanze dell’abitazione che il magistrato aveva assegnato esclusivamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*