PROCESSO STATO-MAFIA: IL COMUNE DI PALERMO PARTE CIVILE

Processo Stato-mafia. Il Comune di Palermo si costituirà parte civile al processo “sull’ignobile trattativa Stato-mafia”. Ad annunciarlo dal palco di Vasto, durante l’incontro dell’Idv, è stato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. “Mi auguro che anche Renzi faccia lo stesso per la strage di via dei Georgofili”. Ieri a Vasto l’argomento Stato-mafia era stato affrontato da uno degli ospiti, il pm di Palermo Antonio Ingroia: “Secondo l’impostazione accusatoria ci fu una macrotrattativa, in cui la mafia tentò di ricostruire il suo rapporto con la politica e all’interno di questa ci furono altre tre microtrattative che si conclusero nel 2004. La posta in gioco doveva essere molto alta. Per questo l’inchiesta ha suscitato tanto clamore”. Il pm ha ribadito: “Io non cerco consensi. Se li cercassi, sarebbe più facile occuparsi di coppola e lupara, piuttosto che di collusioni tra mafia e colletti bianchi. Anche perché ho ricevuto molti più attacchi”.  Rispondendo a una domanda sulle dichiarazioni del pentito Spatuzza e all’inchiesta di Caltanissetta che, sull’omicidio di Borsellino, dovette venire riaperta, Ingroia si è rifiutato “di pensare che si sia trattato solo di un depistaggio mirato a coprire killer più importanti. E’ chiaro che ci deve essere stato qualcosa di più grande che si voleva coprire. Poi, se dopo aver considerato tutto questo si pensa che Borsellino è stato ucciso perché ostacolava la trattativa, forse si intravede la posta in gioco e si capiscono i tanti clamori suscitati”.

Poi gli hanno chiesto se la Procura di Palermo si sarebbe mai aspettata la decisione del Quirinale di sollevare conflitto di attribuzione contro di lei nell’ambito dell’inchiesta, la risposta è stata perentoria: “Assolutamente no”. Ingroia si è rivolto a Luigi Li Gotti (Idv) e Fabio Granata (Fli), componenti della commissione Antimafia: “Come mai in commissione si è arrivati a parlare della trattativa Stato-mafia con così tanti anni di ritardo? Non è che forse questo ritardo nasceva dal fatto che c’era imbarazzo in certi ambienti politici, nei quali si sapeva che c’era questa trattativa, che aveva determinato omicidi e stragi? Non posso essere indifferente come magistrato all’inerzia dell’Antimafia di allora e all’impegno dell’Antimafia di oggi, che si sta occupando, dopo 20 anni, della trattativa Stato-mafia”. Ingroia si congeda con una promessa: “Non mancherò di far sentire la mia voce anche dal Guatemala”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*