VIZZINI: «JELI IL PASTORE, IL CANTO DELLA SAGGEZZA CONTADINA»

VIZZINI - JELI IL PASTOREIeri, sabato 8 agosto, gli attori della compagnia del Piccolo Teatro di Catania hanno offerto a un pubblico di oltre 1.500 spettatori, la rappresentazione scenica di “Jeli il pastore”, che anche stasera – domenica 9 agosto – andrà in scena al Largo dei Cappuccini, a Vizzini, alle ore 21.00: uno spettacolo che ha mantenuto in modo rigoroso sul palcoscenico del sagrato lo stile e i significati dell’autore verista. «Jeli è un campione di umanità, un personaggio raccontato da Verga che va custodito nel nostro presente per i valori essenziali da lui tracciati – ha sottolineato il regista Gianni Salvo – va ammirato molto più dei falsi miti e dei modelli plastici che i media oggi propongono al pubblico». Ad aprire la scena è stato un coro di voci femminili, quattro come le stagioni che segnano la vita della campagna: primavera, estate, autunno e inverno; la quinta donna, la gnà Lia, ha guidato il coro e con espressioni dialettali ha donato saggezza. Poi alla narrazione della rotta antica tracciata dai carri siciliani e del tempo lento e sonnolento, si è unito il suono melanconico di uno zufolo, quello di Jeli, il pastore nato libero, che non ha bisogno di nessuno, “vado dove voglio andare – spiega il protagonista alla gnà Lia – e me ne sto a Vizzini”: un ragazzino semplice, analfabeta, modesto e innamorato di Mara, occhi di mora.

Sullo sfondo una luna piena e la collina in cui il pastore vive le vicende ora tragiche, ora ironiche.Autentica e coinvolgente, la scena ha visto esibire anche la figura vagabonda di “Don Piricocu lu puparu” per ringraziare insieme al Verga, anche Pirandello e fare così un omaggio a tutti coloro che hanno fatto della Sicilia un teatro riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

E oltre alla trasposizione in azioni poetiche di Lina Maria Ugolini, a rendere straordinariamente originale la messa in scena dei testi originali è stata la musica di Pietro Cavalieri, che ha esaltato con melodie tribali e primitive i paesaggi contadini nei momenti più emotivi.

Così le Manifestazioni Verghiane a Vizzini tengono viva e attuale l’eredità lasciata dall’autore verista: “Quello che è rimasto dei tempi del Verga qui tra i borghi del nostro paese è la sensibilità, la passione e l’emozione da lui stesso raccontata, quella che ci descrive come vinti alla ricerca di un riscatto che dia il giusto valore alla nostra terra e a coloro che la vivono” ha spiegato il sindaco di Vizzini, Vito Saverio Cortese.

L’ultimo degli appuntamenti delle Manifestazioni  Verghiane – patrocinate dalla Provincia Regionale di Catania e curate dalla direzione artistica del regista Pasquale Scimeca – sarà mercoledì 12 agosto alle 20.30 con lo spettacolo itinerante  “Ballata per tre capinere”, nelle  piazze di Santa Teresa, di Sant’Agata e della Matrice, un progetto curato e diretto da Gianni Salvo che ruota attorno ai personaggi di Nedda, La Lupa e Santuzza: il pubblico fermo e attento distribuito nelle tre piazze assisterà all’esibizione di tre gruppi di attori che racconteranno la storia di tre personaggi femminili, le “capinere” descritte da Giovanni Verga come donne in gabbia che si ribellano ai limiti imposti dalla società.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*