Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MINISTERO SMENTISCE IMPORTAZIONE DI POMODORINO DAL CAMERUN A PACHINO

MINISTERO SMENTISCE IMPORTAZIONE DI POMODORINO DAL CAMERUN A PACHINO

Sono “Fake news”, Ministero smentisce l’importazione di Pomodorino dal Camerun a Pachino: In una nota i responsabili del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali: «Non risulta nessuna importazione, sono in corso verifiche nei singoli punti vendita per accertare eventuali violazioni».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MINISTERO SMENTISCE IMPORTAZIONE DI POMODORINO DAL CAMERUN A PACHINO –

Il merito al caso sollevato da alcuni quotidiani locali e ripreso attraverso comunicati stampa dal gruppo parlamentare del M5s a Bruxelles. I responsabili del ministero delle Politiche agricole a seguito dei controlli dell’Ispettorato repressione frodi Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) del Ministero delle politiche agricole, sulla base dei dati dell’Agenzia delle dogane, con una nota smentiscono le voci: «Non risulta nessuna importazione di pomodori dal Camerun sino ad oggi».

Ciononostante in merito alla situazione di mercato dei pomodori di Pachino il Mipaaf (Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali) rende noto che: «sono in corso verifiche sui punti vendita dell’area di Pachino per accertare eventuali violazioni sugli obblighi di indicazione dell’origine dell’ortofrutta».

Il ministero delle Politiche agricole e alimentari, ricorda ancora, che per fare fronte alla crisi del prezzo dei pomodori siciliani il Mipaaf si è attivato con la grande distribuzione per una campagna di valorizzazione e promozione dei prodotti di Pachino. La campagna sarà avviata nelle prossime giornate in migliaia di punti vendita e ha disposto un rafforzamento dei controlli delle produzioni provenienti dall’estero.

Secondo l’eurodeputata Michela Giuffrida: «gli agricoltori di Pachino hanno bisogno di sostegno, non di false notizie come quella dell’invasione di pomodori dal Camerun, alimentata da alcune forze politiche». Continua la Giuffrida: «I problemi sono altri, a partire dalla necessità di dare più valore a chi produce e che oggi si trova in difficoltà. Per questo, è importante cogliere la disponibilità della grande distribuzione, sollecitata dal Ministero delle Politiche agricole, di dedicare una promozione ai pomodori della nostra terra».

Giovanni La Via eurodeputato, aveva subito attivato la Commissione europea sul caso e in merito evidenzia: “Non si scherza con il lavoro e la dignità altrui. Le ‘fake news’ sui pomodorini dal Camerun, che si sarebbero sostituiti al ciliegino Igp di Pachino, non sono che un oltraggio, una offesa a quanti ogni giorni si dedicano a un settore importantissimo, l’agricoltura, scontrandosi con grandissimi problemi e ostacoli alla propria attività. Chi strumentalizza questa delicata situazione a proprio vantaggio, certo non può dirsi dalla parte degli agricoltori». In conclusione aggiunge: «Resta l’impegno da parte nostra di rivedere, come ho già fatto nei giorni scorsi attraverso un’interrogazione urgente alla Commissione europea, gli accordi commerciali in questo caso UE- Camerun. Più In generale, occorre monitorare e rivedere gli accordi con Paesi esteri che possono danneggiare il settore. Un confronto con la Grande distribuzione organizzata è un altro passaggio che ho sollecitato nell’interesse dell’agricoltura siciliana».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook