Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BENI BLOCCATI ALL’IMPRENDITORE MORACE

BENI BLOCCATI ALL’IMPRENDITORE MORACE

Nell’ambito dell’operazione “Mare monstrum” sono stati Bloccati beni per un valore di dieci milioni di euro al socio della ‘Liberty Lines’ e presidente del Trapani Calcio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BENI BLOCCATI ALL’IMPRENDITORE MORACE –

Una maxi operazione dei carabinieri ha consentito di bloccare beni per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro a Vittorio Morace, socio di maggioranza della “Liberty Lines spa” e presidente della società sportiva «Trapani Calcio srl». Il decreto è stato emesso dal Tribunale, su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo. Il provvedimento scaturisce dalle indagini che portarono all’operazione “Mare monstrum” del 19 maggio scorso.

Secondo quanto muove l’accusa a Morace, all’epoca dei fatti presidente pro tempore della società di navigazione “Ustica Lines spa”, «aveva stretto un accordo con Salvatrice Severino, dirigente pro tempore dell’assessorato ai Trasporti della Regione Siciliana per predisporre e confezionare bandi di gara per l’affidamento quinquennale del servizio di collegamento marittimo di pubblico interesse con mezzi veloci tra la Sicilia e le isole minori, secondo modalità che avrebbero favorito gli interessi della compagnia di navigazione». La dirigente, sempre secondo i magistrati, inoltre, «avrebbe fatto erogare in favore di Ustica Lines spa, 10 milioni di euro a titolo di compensazioni finanziarie per prestazioni di trasporto marittimo mai rese dalla società. A fronte di ciò la dirigente avrebbe – affermano i pm – in cambio, ricevuto beni di lusso e ottenuto l’assunzione della figlia nella stessa società di navigazione».

Per la procura, la somma di 10.108.444 di euro sequestrati, sarebbero «il profitto del reato». Il provvedimento cautelare ha riguardato: quote dal valore nominale di 10.037.506 di euro pari al 97,17 % della società «Liberty Lines spa»; quote dal valore nominale di 15mila euro, pari al 50 % della società «Trapani calcio s.r.l.»; 13 rapporti bancari; un terreno a Caivano (Na); un’auto. Il sequestro delle quote societarie, si legge in una nota, non influirà sull’operatività della «Liberty Lines spa» e della «Trapani Calcio srl».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook