REGIONE, FONDI PER LA SICILIA A RISCHIO

REGIONE, FONDI PER LA SICILIA A RISCHIO

Dopo l’incontro con il ministro alla Coesione De Vincenti, amara considerazione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci: «Eredito una situazione pesante perché dal 2014 ad oggi non è stato fatto molto, forse neanche lo stretto necessario e dovremo certificare entro il 31 dicembre oltre 700 milioni di euro e ne risultano certificati soltanto sette».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE, FONDI PER LA SICILIA A RISCHIO –

Si è concluso il lungo incontro tecnico svolto a Roma nella sede del ministero alla Coesione fra governo regionale siciliano e governo nazionale. Seduti al tavolo tecnici siciliani e romani, presenti il Ministro per la Coesione territoriale Claudio De Vincenti, il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e gli assessori Roberto Lagalla alla Formazione, Ruggero Razza alla Sanità e Mimmo Turano alle Attività Produttive ciascuno rappresentavano le loro aree di intervento. Sono stati raggiunti gli accordi che prevedono l’istituzione di una task force triangolare fra funzionari della Regione Siciliana, del Ministero della Coesione e della Comunità europea per accelerare la spesa dei fondi destinati alla Sicilia. A vigilare saranno gli organismi politici Siciliani e nazionali che controlleranno anche lo stato di avanzamento delle opere del ‘Patto per il Sud’ integrando le risorse comunitarie con quelle nazionali.

Al termine della riunione il Ministro De Vincenti ha confermato: «E’ stato un incontro positivo, il primo di altri che ce ne saranno c’è un grande clima di collaborazione con il Presidente Musumeci. Abbiamo fatto il punto sullo stato di avanzamento delle opere del ‘Patto per il Sud’ e concordato la task force triangolare che servirà a fare presto e bene tutti insieme».

Nello stesso tempo il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ha spiegato: «Eredito una situazione pesante  perché dal 2014 ad oggi non è stato fatto molto, forse neanche lo stretto necessario e dovremo certificare entro il 31 dicembre oltre 700 milioni di euro e ne risultano certificati soltanto sette». Ancora Musumeci ha aggiunto: «Abbiamo necessità di accelerare le opere in atto e monitorare le varie fasi e riprogrammare per creare poli di sviluppo nelle aree interne e costiere senza polverizzare la spesa. Dobbiamo badare a priorità che riguardano acqua, rifiuti e dissesto idrogeologico». A conclusione del suo intervento ha anticipato: «Avremo da spendere 5 miliardi nei prossimi cinque anni ed è una occasione che una terra povera come la nostra non può lasciarsi sfuggire».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook