Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CEDE INTONACO TETTO DELLA QUESTURA DI CATANIA

CEDE INTONACO TETTO DELLA QUESTURA DI CATANIA

Cade una parte dell’intonaco dal tetto in una stanza della questura di Catania, danneggiate le postazioni di lavoro, nessun ferito. Il sindacato: «Incidente annunciato. Segnale di degrado della polizia».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CEDE INTONACO TETTO DELLA QUESTURA DI CATANIA –

In una delle stanze che ospita gli uffici della squadra mobile di Catania si è staccato dal tetto una Parte dell’intonaco cadendo sul pavimento, fortunatamente senza ferire nessuno perché il locale era vuoto. Il crollo ha causato il danneggiamento di apparecchiature e postazioni lavoro.
A renderlo noto una nota del segretario provinciale del Siap, Tommaso Vendemmia, che scrive di un «crollo annunciato», definendo l’accaduto «l’ennesimo segnale del degrado e l’incuria delle strutture. il sindacalista afferma: «I poliziotti catanesi ancora una volta hanno rischiato di rimanere coinvolti in incidente dentro l’ufficio, che dopo la chiusura del commissariato di Caltagirone e l’incendio degli uffici del Reparto mobile, sembra il rischio più reale». Vendemmia aggiunge: «Il Siap, lo scorso anno a seguito di una ispezione interna fu costretto a far chiamare i vigili del fuoco per chiudere una parte della caserma Cardile, di proprietà della Provincia Regionale, che si trova proprio di fronte all’edificio della squadra mobile, e inviò alla Procura un esposto corredato di verbali e atti sulle condizioni degli edifici. Nessun intervento ancora è in corso. Tra i rimpalli burocratici si assiste al classico scarica barile o, come accade in Italia, si aspetta che qualcuno si faccia male sul serio ?”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook