SANT’AGATA RIENTRA IN CATTEDRALE IN TARDA MATTINATA

SANT’AGATA RIENTRA IN CATTEDRALE IN TARDA MATTINATA

E’ durato molto più di una lunga notte il giro interno della santa patrona: La salita di Sangiuliano solo alle 9 del mattino, la cantata delle suore e poi alle 11,15 il rientro in cattedrale.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SANT’AGATA RIENTRA IN CATTEDRALE IN TARDA MATTINATA –

Conclusa a Catania la festa di Sant’Agata. alle 11.15 il rientro del fercolo in cattedrale. La processione, rallentata dalla pioggia, ha aumentato il passo in mattinata, recuperando il ritardo accumulato nel corso della nottata. Quest’anno le celebrazioni agatine hanno tenuto i tempi dell’edizione 2017. Infatti, i ritardi si sono susseguiti con molta frequenza. Il rientro in Cattedrale, quest’anno, è avvenuto solo alle 11.25. I fuochi d’artificio del rientro sono stati esplosi durante una mattinata uggiosa con un pò di pioggia.

Quindi, il giro interno è durato molto più di una notte, come nel 2017 quando il rientro in Cattedrale avvenne alle 11.30 passate suscitando più di una polemica. Nel 2018 gli spostamenti del fercolo sono stati più lenti di quanto previsto e la pioggia ne ha rallentato i movimenti: il rientro in piazza Duomo è avvenuto poco prima delle 11 e quello in Cattedrale, che ha concluso i festeggiamenti agatini, alle 11.15, compresa la consueta pausa di preghiera. Così, il busto reliquiario è stato sganciato dalla vara e portato a spalla all’interno della chiesa, tra i saluti ‘cittadini… tutti devoti tutti … evviva Sant’Agata’ con i fazzoletti bianchi sventolati dai devoti.

Così come l’anno passato, le tappe orarie del fercolo hanno subito lunghi ritardi. Infatti, ieri, dopo la mezzanotte, il fercolo con le reliquie era arrivato all’altezza della villa Bellini per poi transitare in via Caronda, dopo una lunga fermata per le operazioni di scarico della cera, che è durata più di un’ora. Quindi, Ritardo dopo ritardo che sommati hanno fatto sì che i tradizionali fuochi del Borgo (piazza Cavour), si svolgessero quasi alle sei del mattino, anziché come gli atri anni in piena notte.

Tra gli appuntamenti importanti della festa, si è svolto in una cornice simile a quella dello scorso ma con un inedito rallentamento nell’affrontare la pendenza è stata la salita di Sangiuliano: la famosa ‘acchianata’, a cui i devoti sono appassionati estimatori, è stata percorsa soltanto tra le nove e dieci del mattino. Poi la classica pausa, all’incrocio con via Crociferi, prima di sostare davanti al cancello del monastero delle suore di clausura dal quale si sono affacciate le monache benedettine per la classica cantata. Una eccezione alla lunga clausura adottata solo ed esclusivamente per i festeggiamenti agatini. Successivamente, la processione è stata nettamente velocizzata tant’è che è bastata mezz’ora per passare da via Garibaldi all’ingresso in piazza Duomo e poi l’entrata in Cattedrale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook