A FIORELLO LA CANDELORA D’ORO

A FIORELLO LA CANDELORA D’ORO

Rosario Fiorello riceve il premio a Palazzo degli Elefanti: «Sono nato a Ognina, Catania mi è rimasta nel cuore. Ci vediamo a Sanremo».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

A FIORELLO LA CANDELORA D’ORO –

Fiorello apre il suo breve show in municipio in dialetto siciliano: “Sugni abbarruatu…(ndr sono preoccupato)», ma non per la sua partecipazione come primo ospite del Festival di Sanremo, ma per il premio che sta per ricevere. Poi dice: «Ci vediamo a Sanremo… Ma cu mu fici fari…(ndr. Ma chi me lo ha fatto fare…)» seguita da una risata generale. Un lungo applauso ha sottolineato la frase di Rosario Fiorello, visibilmente emozionato dopo aver ricevuto dalle mani del sindaco di Catania Enzo Bianco, alla presenza dell’arcivescovo Salvatore Gristina alla corte di Palazzo degli elefanti gremita di giornalisti e cittadini.

La Candelora d’oro consegnata al famoso show man siciliano è giunta alla ventunesima edizione e rappresenta la massima onoreficenza cittadina. Il popolare presentatore per l’occasione ha detto: «Se a mia madre  avessi annunciato che stavo per volare a Los Angeles perché avevo vinto l’Oscar non si sarebbe impressionata più di tanto. Ma quando le ho detto che stavo per ricevere la massima onoreficenza catanese, ha esultato. Credo si sia anche costruita una piccola luminaria di Sant’Agata nel salotto che ha acceso».

Durante la cerimonia è stata letta la motivazione: «Rosario Tindaro Fiorello, nato a Ognina, davanti al mare e con l’Etna alle spalle, incarna l’intraprendenza, l’ironia – e l’autoironia – del Catanese, del Siciliano che riesce a esaltare le proprie naturali doti fino a raggiungere l’eccellenza. Dell’Italiano che, privo di timori reverenziali, è capace di confrontarsi, alla pari, con autentici mostri sacri, in questo caso dello spettacolo internazionale. Considerato lo showman più completo della storia della nostra televisione per la sua innata simpatia, la battuta fulminante, la capacità di cantare, ballare, imitare, inventare personaggi, Fiorello è l’alfiere di un’Italia che sa scommettersi e non si arrende mai. E anche quando si monta la testa e cade, è capace di combattere i propri demoni e rialzarsi, con il sorriso sulle labbra e una leggerezza che moltiplica la determinazione. In anni a volte cupi d’oppressione tecnologica Saro Fiorello è uno spensierato campione d’allegria, sempre disponibile a iniziative di solidarietà, con un grande senso della famiglia e delle radici, capace di offrire della nostra terra un’immagine affettuosa, limpida, profondamente umana».

Fiorello, visibilmente emozionato, ha dedicato il premio al padre, e ha detto: «Se stasera fosse stato qui con noi sarebbe stato l’uomo più felice del mondo». Prima della consegna del riconoscimento, Bianco aveva descritto la figura di Rosario Fiorello, ricordando come il critico Aldo Grasso lo avesse consacrato come il nostro più grande show man definendolo «simbolo della Sicilia migliore, quella attiva, ironica, semplice, elegante». Ma soprattutto «campione di liscìa catanese, termine difficilmente traducibile, ma che rappresenta l’esaltazione dell’ironia e dell’autoironia».

Dopo la consegna del prestigioso premio, il sindaco Bianco e l’arcivescovo Gristina hanno rinnovato il rito dell’accensione della lampada votiva in onore di Sant’Agata che dà inizio ai festeggiamenti. A seuguire, in piazza Duomo, si è svolto il tradizionale omaggio floreale alla Patrona da parte dei Vigili del Fuoco. Subito dopo uno spettacolo con video proiezione sulla facciata di Palazzo dei Chierici a cura di Fabrizio Villa, e con gli splendidi fuochi barocchi di Vaccalluzzo. Al termine, il via alla Notte dei Musei e del Commercio, con i luoghi della cultura e i negozi del centro storico aperti per tutta la notte.

 

Foto Claudio Bonaccorsi

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook