Archiviato in | Spettacolo, Teatro

INVASIONI AL TEATRO VERGA DI CATANIA

INVASIONI AL TEATRO VERGA DI CATANIA

«Invasioni»: inno alla vita e alla comunicazione tra gli esseri umani per superare il guscio della forma. Una produzione Teatro Stabile di Catania in collaborazione con l'Associazione Culturale Neon diretta da Piero Ristagno. Sala Verga dal 6 al 18 febbraio. Regia di Monica Felloni. Dedicato al fotografo Mustafa Sabbagh.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

INVASIONI AL TEATRO VERGA DI CATANIA –

Al Teatro Verga dal 6 al 18 febbraio sarà portato in scena Invasioni con la regia di Monica Felloni, backdrops e tracce audio originali Mustafa Sabbagh, creato da Monica FelloniPatrizia FicheraStefania LicciardelloManuela Partanni. Movimenti coreografici Manuela Partanni, danza aerea Gaia Santuccio, canto lirico Alfina Fresta, costumi Gaetano Impallomeni, video Jessica Hauf, regia video Monica Felloni
disegno luci Francesco Noè, assistente alla regia Ségolène Le Contellec, fonico Maurizio Noè, rigger Salvo Pappalardo. Produzione Teatro Stabile di Catania in collaborazione con Associazione Culturale Neon.

Gli  interpreti – Alessandro BarillaKevin CariottiAnna CutoreEmanuela Dei PieriDanilo Ferrari, Antonio FicheraAlfina FrestaAngela LongoManuela MunafòDorotea SamperiGaia SantuccioCarmelo SciutoGiovanni SturialeAntonino Torre– daranno voce ai testi di William ShakespeareWalt WhitmanPiero RistagnoDanilo FerrariStefania LicciardelloFederico Ristagno, dando corpo alla poesia e trasformandola in Teatro; sintetizzando la quotidianità, le emozioni in una semplicità di essere volta al “miglioramento”, parola d’ordine della Terra.

Gli attori attraverso i loro movimenti esprimono l’universo che ognuno di noi ha dentro. Essi saranno alla continua ricerca delle forme di vita che è possibile trovare in ogni materia vivente: che sia un albero, la terra, addirittura la parola in qualsiasi sua manifestazione: pronunciata o cantata.

Invasioni è un’opera introspettiva che raccoglie e restituisce, grazie a un rapporto di rara empatia che porta ciascuno a entrare nella pelle dell’altro. Questa introspezione è resa possibile, però, anche grazie alle riflessioni, alle emozioni regalate dalle immagini del celebre fotografo e artista Mustafa Sabbagh – a cui lo spettacolo si ispira- che rompe gli schemi della solitudine, facendo sentire la necessità dello stare insieme, la necessità di condividere la quotidianità senza essere giudicato e condannato: libero dai pregiudizi.

Ciò ha permesso a Monica Felloni, di portare sul palcoscenico una libertà espressiva dipinta con tratto preciso che emoziona attraverso l’arte comunicativa di cui la regista si è servita per regalare al pubblico la propria visione della vita.

Eleonora Bellina

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook