Archiviato in | Politica, Politica Regionale

FARAONE A CROCETTA: «MAI PROMESSA CANDIDATURA»

FARAONE A CROCETTA: «MAI PROMESSA CANDIDATURA»

Susseguirsi di battute tra l’ex presidente Rosario Crocetta e Faraone, l’ex Presidente apostrofa: «Sei leggerino e imprudente». Faraone dal canto suo ha risposto alle polemiche e tentando di ricompattare il Pd: «Mai promessa candidatura a Crocetta. E’ chiaro, essendoci 24 parlamentari uscenti non è stato semplice perché abbiamo avuto a che fare con una nuova legge elettorale. Era ovvio che potevano esserci elementi di criticità, in effetti qualche esclusione c’è stata».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FARAONE A CROCETTA: «MAI PROMESSA CANDIDATURA» –

Il sottosegretario in quota in Sicilia al Pd di Renzi, Davide Faraone a proposito della candidatura del rettore di Messina col Pd alle politiche contestate dall’ex presidente Crocetta, ha detto: «Il Pd è un partito garantista, siamo distanti anni luce dalla visione giustizialista di Rosario Crocetta che attacca Pietro Navarra perché nipote di un capomafia: solo che il rettore è nato dieci anni dopo la morte dello zio. Secondo Crocetta doveva smettere di vivere, lavorare?». Continua Faraone: «Pietro Navarra ha una storia di riscatto è una figura che deve essere portata a modello. Ci sono parenti di mafiosi, come Giuseppe Biondino, che scelgono di proseguire nella strada della criminalità e chi invece compie scelte opposte. Navarra è uomo di grande professionalità e competenza e siamo orgogliosi del suo impegno.

Rispondendo a Faraone, Crocetta ha detto: «replicando così a un impacciato Faraone che non sa come difendere le sue scelte sulle liste Pd e che mi accusa classicamente di giustizialismo. Caro Davide, non sono giustizialista, sei tu leggerino ed imprudente. Tant’è che sono disposto a cambiare idea su Navarra, quando il rettore aiuterà il popolo siciliano a capire le malefatte della mafia, come faceva Peppino Impastato». E ancora Crocetta: «Navarra, invece, di minacciare querele organizzi una bella conferenza stampa, durante la quale ci potrà dire tutto quello che è a sua conoscenza sugli ignobili delitti e comportamenti dei suoi parenti. Non è un problema di giustizialismo, ma necessita di conoscere la verità. Quella verità che non si riesce mai a sapere».

Il sottosegretario Faraone, ha convocato una conferenza stampa durante la quale, ha parlato di campagna elettorale senza attaccare e rispondere a nessuno, difendendo però le scelte del partito nel decidere le candidature. Nel corso dell’incontro ha ringraziato chi, nonostante il dissenso, si è proposto ugualmente a fare campagna elettorale nelle piazze per il Pd e i candidati scelti. E nel corso del suo intervento ha sottolineato: «Ci giochiamo una sfida per il Paese contro il populismo e il qualunquismo del M5s e un centrodestra razzista. Scambiare queste elezioni per un congresso del Pd fa solo danno al centrosinistra, di queste dinamiche se ne parlerà dopo il voto negli opportuni organismi di partito». In merito alle affermazioni dell’ex Presidente della Regione Rosario Crocetta, non ha espresso alcuna valutazione. Però, pressato dai giornalisti al termine di una frase sull’argomento ha sottolineato: «La promessa di una candidatura a Crocetta è una cosa che ha detto solo Crocetta. Dalle regionali in poi, non c’è stata una sola dichiarazione di Renzi in questo senso. E’ una storia costruita solo sul racconto di una persona».

Poi riferendosi alle polemiche della base del partito, ha evidenziato: «Io per primo ho fatto tutto il percorso nei Ds di cui sono stato segretario cittadino. La mia storia politica è nel Pd nelle sue varie forme». E ancora sottolinea: «Il Pd è un partito meno ideologico rispetto al passato, ispirato ai valori del centrosinistra, dove non prevale più la logica del chi siete, cosa volete, dove andate o quel modello da caserma di rappresentazione di una identità piuttosto che di un’altra, abbiamo espresso liste elettorali competitive delle quali bisogna andare orgogliosi». Infine, sulle polemiche nella minoranza per alcune esclusioni dice: «In parte si tratta di polemiche fisiologiche, anch’io in passato ebbi da ridire per alcune imposizioni ma questa volta in Sicilia non c’è stato alcun paracadutato, i candidati sono espressione dei territori. E’ chiaro che essendoci 24 parlamentari uscenti non è stato semplice perché abbiamo avuto a che fare con una nuova legge elettorale. Era ovvio che potevano esserci elementi di criticità, in effetti qualche esclusione c’è stata».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook