Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FRATELLINI MORTI NELLE MACCALUBE: CONDANNATO DIRETTORE DELLA RISERVA

FRATELLINI MORTI NELLE MACCALUBE: CONDANNATO DIRETTORE DELLA RISERVA

Il fango emesso dai vulcanelli aveva travolto i due fratellini nelle Maccalube ad Aragona in provincia di Agrigento. Per la strage, l’ex presidente di Legambiente Domenico Fontana, è stato condannato a sei anni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FRATELLINI MORTI NELLE MACCALUBE: CONDANNATO DIRETTORE DELLA RISERVA –

Domenico Fontana, ex presidente di Legambiente e direttore della riserva naturale Maccalube di Aragona è stato condannato a sei anni di reclusione.  All’operatore della riserva Daniele Gucciardo, sono stati imposti 5 anni e 3 mesi. Mentre, il funzionario della Regione, Francesco Gendusa è stato assolto. Il giudice del tribunale di Agrigento ha firmato la sentenza per i tre imputati della strage delle Maccalube, la riserva naturale dei vulcanelli dove, il 27 settembre del 2014, morirono i fratellini Carmelo e Laura Mulone di 9 e 7 anni travolti da un’ondata di fango mentre facevano una passeggiata insieme al padre. Inoltre, il magistrato ha dichiarato, per Fontana e Gucciardo, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e l’interdizione legale durante l’esecuzione della pena.

I due condannati, in solido con Legambiente, dovranno risarcire i genitori dei poveri bambini con una provvisionale, vale a dire un anticipo, subito esecutivo, di 600 mila euro. Rigettata la richiesta di risarcimento avanzata dal Comune di Aragona, dalla presidenza della Regione e dall’assessorato regionale al Territorio e all’Ambiente.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook