ISTITUTI AUTONOMI CASE POPOLARI, LA RIFORMA MUSUMECI

ISTITUTI AUTONOMI CASE POPOLARI, LA RIFORMA MUSUMECI

Nel suo intervento Musumeci ha annunciato: «Stiamo valutando gli aspetti di diritto societario e giuridici per rendere indolore il passaggio dagli Iacp alle ex Province».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ISTITUTI AUTONOMI CASE POPOLARI, LA RIFORMA MUSUMECI –

Il Presidente della Regione, Nello Musumeci nel corso di una conferenza stampa a palazzo d’Orleans, ha presentato l’idea di riforma degli Istituti case popolari (Iacp) in Sicilia insieme all’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone e al dirigente del dipartimento Fulvio Bellomo. Nel suo intervento il presidente ha annunciato: «Stiamo valutando gli aspetti di diritto societario e giuridici per rendere indolore il passaggio dagli Iacp alle ex Province». Quindi se tutto andrà per il verso giusto agli Istituti case popolari (Iacp) in Sicilia subentreranno le ex province. Il Personale e patrimonio immobiliare dei 10 enti, nei piani del governo di Nello Musumeci, passeranno sotto la gestione delle nove ex Province, con un apposito disegno di legge che sarà deliberato nei prossimi giorni dalla giunta e poi trasmesso all’Assemblea regionale.

La Sicilia ormai da tempo lamenta la mancanza di 40 mila alloggi popolari per soddisfare le altrettante richieste dei nuclei familiari in attesa di entrare in possesso di una casa, ormai da tempo inevase. Gli immobili di proprietà degli Istituti case popolari (Iacp) sono in totale 50.800 mila (dato aggiornato a tre anni fa), quelli occupati abusivamente sono circa 4mila. Nel corso della riunione Musumeci ha detto: «E’ una situazione incredibile e inaccettabile Il tema casa per il mio governo è prioritario». Sempre per il presidente l’attuale situazione resta paradossale e denuncia un presunto racket degli alloggi: «I ras dei quartieri popolari in città come Palermo e Catania “assegnano” gli immobili pubblici agli abusivi che poi pagano il ‘canone’ della casa agli Iacp: questi incassano i soldi da chi in quegli appartamenti non ci dovrebbe stare non avendone titolo, perché occupano abitazioni destinate ad altre famiglie inserite nelle graduatorie».

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook