Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DISARTICOLATA LA MAFIA DI BAGHERIA, ARRESTATO IL BOSS

DISARTICOLATA LA MAFIA DI BAGHERIA, ARRESTATO IL BOSS

Il clan gestiva il pizzo e le armi nella Sicilia occidentale. Tra i sei fermati i fratelli Paolo e Rosaria Maria Liga, nipoti dello storico boss Pino Scaduto. il capomafia di Bagheria aveva contatti con Messina Denaro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DISARTICOLATA LA MAFIA DI BAGHERIA, ARRESTATO IL BOSS –

Su disposizione della Dda di Palermo, i carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, hanno fermato sei persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione aggravata. Il provvedimento è stato firmato dopo un’indagine della Compagnia di Bagheria che ha permesso di accertare i ruoli dei fermati in Cosa nostra e una serie di taglieggiamenti a commercianti e imprenditori di Bagheria. Nell’operazione sono stati impegnati 60 carabinieri, cani per la ricerca di armi e esplosivi e un elicottero del nucleo di Palermo.

Gli investigatori hanno appurato anche dalle dichiarazioni di diversi pentiti che il clan bagherese è in grado di riorganizzarsi dopo ogni operazione di polizia, con l’immediata sostituzione degli uomini d’onore arrestati. Tra gli arrestati, Paolo Liga, nipote del boss Giuseppe Scaduto, capo mandamento di Bagheria, fermato a ottobre.

Le indagini hanno accertato che Liga custodiva e gestiva l’arsenale del clan insieme ad altri indagati tra cui Salvatore Farina. Nel deposito di armi c’erano pistole, fucili e mitragliette con matricola abrasa, Liga teneva anche i contatti con Cosa Nostra palermitana e trapanese. Inoltre, sempre Liga, aveva contatti e teneva i rapporti con il boss latitante Matteo Messina Denaro. Rosaria Liga partecipava attivamente alla raccolta del denaro destinato, in quel momento, banche a finanziare la latitanza del fratello che, nel 2015, era sfuggito allora alla cattura disposta nell’operazione antimafia denominata Reset 2. Le indagini hanno accertato il ruolo di Liga e dei De Lisi anche nel taglieggiamento a un intermediario finanziario di Bagheria, costretto a cedere la propria auto a fronte di una richiesta di 50mila euro da parte del clan.

Inoltre, insieme alla sorella Rosaria Maria, il boss, coordinava la gestione del racket del pizzo. In cella anche Claudio e Riccardo De Lisi, Giuseppe Sanzone e Salvatore Farina. I Liga sono nipoti dello storico capo-mandamento Pino Scaduto, in cella da ottobre. Accertate diverse estorsioni come quella, commessa a partire da aprile 2014 e andata avanti fino a tutto il 2016, al titolare di una società che opera nel settore della fornitura di servizi di sicurezza per locali notturni della zona.

 

.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook