Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COLPO AL CLAN DI ADRANO, 29 ARRESTI – I NOMI

COLPO AL CLAN DI ADRANO, 29 ARRESTI – I NOMI

Disarticolati i vertici della cosca Santangelo, alleata della famiglia catanese di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. La polizia di stato ha effettuato 33 arresti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COLPO AL CLAN DI ADRANO, 29 ARRESTI – I NOMI

La Polizia di Stato su delega della Procura Distrettuale antimafia di Catania, ha eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 33 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, furto con l’aggravante di commesso il fatto in nome e per conto del clan Santangelo “Taccuni” e al fine di agevolarne le attività illecite.

Gli accertamenti condotti dalla Squadra Mobile di Catania e dal Commissariato della polizia di Stato di Adrano (Catania) hanno consentito di tracciare l’organigramma, arrestare i vertici e scompaginare i vari livelli della cosca Santangelo di Adrano, alleata della famiglia catanese di Cosa nostra Santapaola-Ercolano.

Inoltre, è stato verificato che il clan, dopo anni di contrapposizioni, ha raggiunto un accordo con la cosca rivale degli Scalisi per la gestione di affari illeciti ad Adrano e la spartizione dei proventi del racket del ‘pizzo’. Nella misura cautelare agli affiliati del clan Santangelo sono contestati episodi estorsivi, un vasto traffico di stupefacenti, nonché una rapina in abitazione ed un furto di un bancomat di un istituto di credito con l’utilizzo di escavatore.

Le manette sono scattate per: Alfio Santangelo, Antonino Quaceci, Nino Crimi, Salvatore Crimi, Gianni Santangelo, Antonino Bulla, Giuseppe La Mela,Antonino La Mela, Vincenzo Bulla, Rosario Galati Massaro, Nicola D’Agate, Nicolò Trovato, Maurizio Pignataro, Nicolò Rosano, Vincenzo Rosano, Francesco Rosano, Salvatore Sangrigoli, Salvatore Quaceci, Marco Ricca, Palminiotti Andrea, Francesco Palana, Ignazio Vinciguerra, Antonino Foti, Vincenzo Nicolosi, Alfredo Pinzone, Nicola Mancuso, Biagio Trovato, Angelo Pignataro e Luigi Leocata.

Tra gli arrestati c’è anche un poliziotto. E’ Francesco Palana, assistente capo della Polizia di Stato in servizio nel Commissariato del paese. L’uomo, ora ai domiciliari, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti insieme con Salvatore Crimi, di 32 anni, uomo di fiducia del boss Alfio Santangelo, dal quale si riforniva di droga. Era stato arrestato il 26 aprile del 2016 perché, fermato a bordo della sua auto al casello di San Gregorio dell’autostrada Messina – Catania, era stato trovato con 9,2 grammi di cocaina. L’ispettore era stato sospeso dal servizio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook