PALERMO CITTÀ DELLA CULTURA, PREMIER GENTILONI IN CITTÀ

PALERMO CITTÀ DELLA CULTURA, PREMIER GENTILONI IN CITTÀ

Il presidente del Consiglio dei ministri, Paolo Gentiloni apre a Palermo l’anno della cultura: «Ci stiamo occupando di acqua e rifiuti non solo di Cultura». Alcuni sindaci che indossano la fascia tricolore si sono rivolti al premier Gentiloni, appena entrato nel teatro Massimo per la cerimonia d’apertura di ‘Palermo capitale della cultura 2018? e gli hanno detto: «Presidente, abbiamo bisogno di parlarle cinque minuti» ottenendo il suo assenso.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMO CITTÀ DELLA CULTURA, PREMIER GENTILONI IN CITTÀ –

Prima di entrare nel teatro Massimo a Palermo, il premier Paolo Gentiloni è stato avvicinato da diversi sindaci che lo hanno esortato a intrattenersi con loro per discutere delle emergenze che affliggono la Sicilia. Ha esordito così il Presidente del Consiglio dei ministri a margine della giornata palermitana arrivato per inaugurare ‘Palermo 2018’, anno che acclama Palermo come città capitale Europea della Cultura.

il premier Paolo Gentiloni ha detto: «Questa è un’occasione per tutti gli italiani cui non sfugge la realtà di una città che ha sofferto e che certamente non ha del tutto superato difficoltà sociali, che è stata anche al centro di lutti, minacce, che è stata in qualche modo costretta a convivere con stereotipi a livello nazionale e internazionale. Ma è una città che sta cambiando, proiettata al futuro. Questa è una occasione per dire grazie Palermo, gli italiani sono orgogliosi di questa città. Lo dico perché questo sentimento di rinascita con le straordinarie radici di cultura e di civiltà è un sentimento che fa bene alla Sicilia e all’Italia intera».Poi, ha aggiunto: «Guai a rinunciare alla propria storia, né le nostre radici possono essere dei muri per chiuderci fuori dal resto del mondo». E ancora: «Le nostre radici ci consentono al contrario di dialogare con gli altri popoli. Il sentimento di rinascita fa bene alla Sicilia, ma anche all’Italia intera. Dobbiamo investire su questo sentimento. A Palermo si sono sedimentate tutte le culture che l’hanno attraversata. Palermo sa stare al mondo perché non rinnega le proprie radici, la propria identità».

Continuando con il suo intervento ha aggiunto: «Fare una grande biblioteca di studi islamici nel nome di Giorgio La Pira a Palermo è un segno di dialogo di cui abbiamo bisogno». Sempre Gentiloni ha auspicato annunciando lo stanziamento di fondi Cipe per la realizzazione della biblioteca: «Nel Mediterraneo in questo momento sembra traballare l’ordine garantito. Nella gestione dei nostri musei, dei siti archeologici e nell’apertura di tante mete culturali del Paese abbiamo avuto una buona stagione, la dobbiamo proseguire. Credo che il lavoro di questi anni ci aiuti, investire nella cultura non solo è doveroso ma è utile, positivo, crea tante occasioni di sviluppo. La cultura non è la cenerentola».

Continuando nel suo intervento il premier ha poi asserito: «Ci stiamo occupando delle emergenze sul fronte della crisi idrica e sulla questione di rifiuti a Palermo, all’insegna di quello che deve essere la proficua collaborazione tra enti istituzionali. Non perché siamo qui ci siamo dimenticati dei problemi, ma Palermo Capitale della cultura è l’occasione per rilanciare questa straordinaria città e tutta l’isola».

Poi ha concluso: «Stiamo investendo nel Mediterraneo e in Africa, non perché pensiamo che siano un business ma perché vogliamo investire sul dialogo e sulla pace. Anche in questo Palermo può giocare un ruolo straordinario. Abbiamo avuto un 2017 molto importante per la Sicilia: il G7 di Taormina verrà ricordato perché la meraviglia di quella realtà siciliana è stata presentata al mondo con l’eccellenza anche dal punto di vista organizzativo. E’ stato un biglietto da visita straordinario per la Sicilia in grado di abbattere vecchi stereotipi».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook