Archiviato in | Musica, Spettacolo

CONCERTO DELLA MEMORIA AL TEATRO BELLINI DI CATANIA

CONCERTO DELLA MEMORIA AL TEATRO BELLINI DI CATANIA

Concerto della Memoria: “Himalayana” di Capostagno in prima esecuzione moderna e altri rari brani di Boccosi e Selmi, compositori italiani prigionieri nei campi di concentramento. Sul podio Paolo Candido, violoncello solista Francesco Montaruli. I brani sono frutto delle ricerche dello studioso pugliese Francesco Lotoro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONCERTO DELLA MEMORIA AL TEATRO BELLINI DI CATANIA –

Il musicista Siciliano Giuseppe Capostagno

E quest’anno arriva a Catania arriva il “Concerto della Memoria” presentato nella stagione concertistica del teatro Massimo Bellini per celebrare la “Giornata della memoria”. La data sarà quella ufficiale del 27 gennaio alle 20,30 con replica domenica 28 alle 17,30. Per l’occasione è stato scelto un programma nato proprio nei campi di concentramento, grazie alle ricerche di Francesco Lotoro, massimo esperto di quella che viene definita “musica concentrazionaria”, in quanto raccoglie il corpus delle composizioni create appunto nei lager di sterminio tedeschi. Lo studioso pugliese lavora da anni in sinergia con il maestro Paolo Candido, chiamato a dirigere l’Orchestra del Bellini, per la quale sono stati selezionati rarissimi brani di compositori italiani deportati e costretti in cattività, non necessariamente dal Terzo Reich. Il concerto del Bellini esalterà in particolare tre esempi di uomini di straordinaria tempra, che  trovarono nella composizione la fonte per dare forza a se stessi e ai loro compagni. Tre eroi fortunati che, a differenza di tanti altri, poterono tornare dalle loro famiglie.

Il direttore d’orchestra Paolo Candido

Apre la locandina Diario di guerra e di prigionia, ciclo sinfonico dell’anconetano Berto Boccosi, capitano di fanteria, catturato dagli Alleati e trasferito nei Campi di Gabès inTunisia e Saida in Algeria. Il modenese Giuseppe Selmi venne invece arrestato dalle truppe tedesche e deportato in due Stalag; durante la prigionia scrisse tra l’altro il Concerto spirituale per violoncello e orchestra, che ascolteremo con l’apporto del solista Francesco Montaruli. A chiudere sarà Himalayana, suite sinfonica del siciliano Giuseppe Capostagno, un giovane tenente quando viene preso dalle milizie britanniche e trasferito in India nel Campo di Yol, dove prepara un’orchestra di musicisti prigionieri italiani. Qui compone Himalayana, con la quale partecipa a un festival musicale a New Delhi e lo vince. Un’altra vittoria è questa esecuzione alla pendici dell’Etna, la prima in epoca moderna.

Elisa Petrillo

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook