Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SPACCIAVANO DROGA ALL’INTERNO DELLA SCUOLA

SPACCIAVANO DROGA ALL’INTERNO DELLA SCUOLA

Mentre i ragazzi fumavano in cortile, gli spacciatori vendevano la marijuana. Secondo le prime indagini alcuni genitori sapevano di quello che accadeva tra le mura dell’istituto ma non hanno denunciato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SPACCIAVANO DROGA ALL’INTERNO DELLA SCUOLA –

Fermata una banda di spacciatori dalla polizia di Ragusa. Il gruppo malavitoso vendeva droga anche all’interno delle scuole durante l’intervallo.  Da questa pratica viene fuori la denominazione dell’operazione, «Ricreazione». Si è rivelata fondamentale la collaborazione dei dirigenti scolastici. Gli spacciatori contattavano i giovani acquirenti quando erano in possesso di droga da vendere. Il linguaggio criptico utilizzato non ha permesso di eludere le indagini. In manette sono finiti i ventunenni Salvatore Spina e B. F., ma la polizia ha raccolto elementi a carico di 11 persone, una delle quali minorenne. L’inchiesta ha avuto inizio nel 2017 quando fu arrestato Dragan Hasanaj di nazionalità albanese. Il giovane fu trovato in possesso di 300 grammi di marijuana. Da allora, sono stati raccolti ulteriori elementi di prova a carico di ragazzi italiani. Nonostante la giovanissima età degli indagati, tutti, ma in particolare il minorenne, tant’è che si erano specializzati nel trafficare sostanze stupefacenti.Gli spacciatori, prima di contattare i ragazzi aspettavano il suono della campana della ricreazione scolastica e poi contattavano gli studenti nel cortile e in luoghi un po’ più isolati, lontani dagli occhi vigili dei professori. I ragazzi, fumavano la droga direttamente sul posto, oppure la portavano a casa.

Gli investigatori nel corso indagini ascoltati alcuni testimoni avrebbero accertato che gli spacciatori dopo aver effettuato un viaggio con autobus di linea a Catania per prelevare la droga (solitamente almeno 500 grammi), contattavano telefonicamente o tramite social network i giovani clienti chiedendo di incontrarsi. Quello che apparentemente sembrava un incontro tra amici, era invece una cessione di stupefacenti che puntualmente avveniva a scuola o nelle piazze di Ragusa luogo di ritrovo dei più giovani. L’attività investigativa è proseguita anche con intercettazioni dei colloqui tra i familiari degli spacciatori e i genitori. Quest’ultimi anziché punire severamente i figli si occupavano di nascondere la droga o di disfarsene per evitare altri problemi in famiglia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook