Archiviato in | Spettacolo, Teatro

TEATRO ABC CATANIA, APPLAUSI PER LO SPETTACOLO ‘LA GUERRA DEI ROSES’

TEATRO ABC CATANIA, APPLAUSI PER LO SPETTACOLO ‘LA GUERRA DEI ROSES’

Una commedia comica e crudele che, battaglia dopo battaglia, insulto dopo insulto, conquista e diverte il pubblico che ride e applaude a scena aperta e continuamente.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TEATRO ABC CATANIA, APPLAUSI PER LO SPETTACOLO ‘LA GUERRA DEI ROSES’ –

Prima un libro di successo divenuto un best seller, otto anni più tardi un film e poi un copione teatrale che ormai ha fatto il giro del mondo. Stiamo parlando de “La guerra dei Roses” la commedia noir di Warren Adler inserita nel cartellone della stagione di prosa “Turi Ferro”, organizzata da ABC Produzioni.
La lenta, dolorosa ma esilarante separazione tra i coniugi Rose, già interpretati al cinema da Michael Douglas e Kathleen Turner, ora da Ambra Angiolini e Matteo Cremon. Una commedia comica e crudele che, battaglia dopo battaglia, insulto dopo insulto, conquista e diverte il pubblico che ride e applaude a scena aperta e continuamente. La vicenda narra della lenta e terribile separazione tra i coniugi Rose: lui ricco e ambizioso uomo d’affari, lei moglie obbediente, ma mai dimessa, che lo ha accompagnato nella sua brillante ascesa, con amore, stima profonda.
La protagonista Ambra Angiolini, con “La guerra dei Roses”, si manifesta, per l’ennesima volta, come una conferma del nostro teatro, qui più convincente che al cinema. È preparata, puntigliosa, attenta, precisa, ironica, è un’attrice teatrale con un vero talento.

La storia dei due protagonisti è quella di una coppia felice, che vive in un’atmosfera di profondo amore, di sincera passione, all’interno di una cornice rosa e perfetta. Ma ad un tratto, tutto questo si rompe, si infrange contro lo scoglio della mancata realizzazione professionale di lei. E sarà un crescendo di cattiveria, rabbia e reciproche atrocità, fino alle estreme conseguenze.
“Adler ci pone di fronte – scrive Filippo Dini, nelle sue note di regia – ad una delle più potenti e straordinarie deflagrazioni umane: la separazione di un uomo e una donna che hanno condiviso un grande amore. Non c’è al mondo espressione più sconvolgente della potenza dell’essere umano. Non a caso il titolo la paragona ad una guerra, ad una delle più sanguinose della storia inglese, una guerra nata appunto in “casa”, la guerra tra due rami della stessa famiglia: la guerra delle due Rose. La messa in scena – continua Dini racconta appunto di una guerra, due schieramenti. E volutamente si è scelto di affidare tutti i personaggi a solo quattro interpreti, due uomini e due donne, in campo a combattere per la propria legittimità su questo pianeta. Il signor e la signora Rose e i loro ‘doppi’, che interpretano i loro rispettivi avvocati e altri personaggi nei quali si imbatteranno i protagonisti, come in un sogno che non avrà un lieto fine, ci divertiranno fino alle lacrime per la loro comicità e ci turberanno nel profondo, perché sveleranno in modo più o meno consapevole i nostri intimi fallimenti nel comprendere l’’altro’, l’opposto, all’interno di noi stessi”.

Una scenografia, davvero d’effetto, una casa inclinata che sprigiona odio da tutte le parti, facendo scatenare il peso della relazione di un ricco uomo d’affari e della sua donna obbediente, almeno fino a quando non scoppia tutto quanto. Applausi, numerosi a scena aperta e infiniti prima che il sipario si chiuda.
Accanto ad Ambra Angiolini e Matteo Cremon, “La guerra dei Roses”, ha visto sul palco Massimo Cagnina ed Emanuela Guaiana. Scene di Laura Benzi, costumi di Alessandro Lai, luci di Pasquale Mari e le musiche di Arturo Annecchino.

Gli appuntamenti della stagione di prosa “Turi Ferro” proseguiranno a febbraio (dal 9 all’11) con una grande coppia di mattatori, Michele Placido e Anna Bonaiuto, che porteranno in scena, con la regia dello stesso Placido, “Piccoli crimini coniugali” di Eric-Emmanuel Schmitt.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook