Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BLITZ ANTIDROGA NEL RAGUSANO, 18 INDAGATI

BLITZ ANTIDROGA NEL RAGUSANO, 18 INDAGATI

Operazione antidroga tra Ragusa, Santa Croce Camerina e Comiso: 18 arresti. Quattro gruppi, tra loro anche albanesi e tunisini, smerciavano marijuana, hashish e cocaina. Nell’operazione sono stati impegnati 90 Carabinieri.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 BLITZ ANTIDROGA NEL RAGUSANO, 18 INDAGATI –

Su richiesta della Procura della Repubblica di Ragusa, il Gip del Tribunale locale ha emesso una misura cautelare nei confronti di 18 indagati con l’accusa di traffico e spaccio di stupefacenti. Il mandato è stato eseguito da oltre 90 carabinieri del comando provinciale della citta iblea.

Le indagini sono state condotte dai Carabinieri della Compagnia di Ragusa e i provvedimenti restrittivi sono il risultato di appostamenti e ricerche che hanno consentito di accertare come gli indagati, in prevalenza ragusani, albanesi e tunisini, erano strutturati. Infatti, erano organizzati in quattro distinti gruppi criminali, che, secondo le accuse, rifornivano le piazze dello spaccio nei comuni di Ragusa, Santa Croce Camerina e Comiso, smerciando marijuana, hashish e cocaina. Nel corso delle indagini numerosi arresti e sequestri di stupefacente. Nell’operazione sono stati impegnati 90 militari.

Tra le persone indagate risulta l’ex consigliere comunale Francesco Salamone, eletto alle comunali del giugno del 2013 a Terme Vigliatore, comune in provincia di Messina, in una lista civica locale e sospeso dalla carica nel 2016 perché coinvolto in un’altra inchiesta di mafia. Inoltre fra gli arrestati Antonio Merlino, responsabile di varie estorsioni ai danni di commercianti e noto esponente mafioso. Di seguito gli arrestati:

Antonuccio Antonino, nato a Barcellona P.G. il 22.05.1963; Benvenga Santino, nato a Barcellona P.G. il 13.09.1992; Calabrese Tindaro, nato a Novara di Sicilia il 3.9.1973; Calderone Gianni, nato a Barcellona P.G. il 5.02.1983; Cannuli Francesca, nata a Messina il 09.07.1965; Chiofalo Salvatore, nato a Barcellona P.G. il 26.09.1989; Chiofalo Sebastiano, nato a Barcellona P.G. il 18.09.1993; D’amico Antonino, nato a Barcellona P.G. (ME) il 17.2.1978; De Luca Cardillo Antonino, nato a Barcellona P.G. (ME) il 25.9.1981; Foti Mariano, nato a Barcellona P.G. (ME) 31.03.1970; Garofalo Fabrizio, nato a Barcellona P.G. (ME) il 24.11.1969; Imbesi Ottavio, nato a Barcellona P.G. (ME) il 2.06.1971; Impala’ Giuseppe Antonio, nato a Barcellona P.G. il 19.11.1963; Merlino Antonino, nato a Barcellona P.G. (ME) il 5.5.1968; Messina Francesco Carmelo, nato a Barcellona P.G. (ME) il 2.01.1947; Milone Agostino, nato a Barcellona P.G. (ME) il 28.4.1969; Milone Filippo, nato a Barcellona P.G. (ME) il 25.10.1936; Molino Domenico Giuseppe, nato a Barcellona P.G. (ME) il 16.10.1959; Munafo’ Massimiliano, nato a Barcellona P.G. (ME) il 30.03.1969; Piccolo Salvatore, nato a Terme Vigliatore (ME) il 08.12.1966; Rao Giovanni, nato a Castroreale (ME) il 20.4.1961; Salamone Francesco, nato a Castroreale (ME) il 09.10.1961; Santangelo Salvatore, nato Barcellona P.G. (ME) il 12/09/1984; Scordino Carmelo, nato a Barcellona P.G. (ME) il 20.01.1963; Scordino Tindaro Santo, nato a Barcellona P.G. (ME) il 08.05.1984; Spada Sergio, nato a Palermo il 07.09.1980; Treccarichi Antonio Giuseppe, nato a Cesarò (ME) il 13.02.1964; Trifirò Carmelo Salvatore, nato a Barcellona P.G. (ME) l’11.05.1972; Trifirò Maurizio, nato a Rodì Milici (ME) il 6.7.1979.
Analogo provvedimento è stato eseguito dalla Squadra Mobile della Questura di Messina e dal Commissariato di P.S. di Barcellona P.G. per undici persone:
Bellinvia Antonino, nato a Barcellona P.G. l’8.08.1954; Campisi Agostino, nato a Patti il 16.11.1961; Crisafulli Alessandro, nato a Barcellona P.G. il 18.08.1982; Foti Francesco, nato a Barcellona P.G. (ME) il 5.01.1941; Giambo’ Carmelo, nato a Barcellona P.G. (ME) il 23.07.1971; Giardina Massimo, nato a Patti il 10.09.1977; Lena Tindaro, nato il 2.04.1973 a Patti; Maggio Alessandro, nato a Barcellona P.G. (ME) il 21.8.1987; Marino Tindaro, nato il 15.06.1960 a Gioiosa Marea (ME); Napoli Santo, nato a Milazzo (ME) il 9.9.1950; Porcino Angelo, nato a Barcellona P.G. (ME) il 19.04.1956.

Sono quasi trenta gli episodi estorsivi accertati durante l’inchiesta delle forze dell’ordine. Alcuni degli indagati per estorsione, sebbene già condannati e sottoposti a misure di sicurezza o sorvegliati speciali, continuavano secondo le indagini a gestire il racket del pizzo. Classico il metodo del clan: prima l’intimidazione, una bottiglia con liquido infiammabile nei pressi della saracinesca dell’esercizio commerciale preso di mira e, successivamente, “l’avvicinamento” della vittima per richiedere il pagamento del “pizzo”, da dare, di norma, in occasione delle festività di Natale, Pasqua e Ferragosto. Come è emerso dalle indagini, oggetto delle estorsioni, spesso, non era il solo “pizzo” ma anche il tentativo di subentrare nei lavori pubblici, imponendo agli imprenditori titolari degli appalti il subappalto in favore delle ditte controllate dagli esponenti dell’associazione. In alcuni casi, infine, alcuni titolari di un esercizio commerciale sono stati vittime di rapina: il bottino serviva a finanziare il clan.

Le indagini condotte descrivono una organizzazione mafiosa molto violenta: tre arrestati picchiarono selvaggiamente un imprenditore edile che aveva osato “pretendere” il compenso per una fornitura di calcestruzzo fatta in favore di un mafioso. Il clan inoltre aveva imposto, attraverso una società di comodo operante nel settore della vigilanza privata, la guardiania a tutti i vivaisti del comprensorio barcellonese (in particolar modo del Comune di Terme Vigliatore), vessati dai continui furti. Nell’ambito dell’indagine è emerso anche il movente della brutale aggressione avvenuta, nel settembre del 2017, in pieno giorno e nel centro della città di Barcellona Pozzo di Gotto nei confronti di un professionista che si era “permesso” di denunciare un’estorsione commessa ai suoi danni da tre membri dell’ associazione, poi condannati a 8 anni. Nel corso delle indagini sono state individuate due società, ritenute riconducibili ovvero di fatto riferibili a 5 esponenti dell’associazione, intestate a due prestanome incensurate.

A disposizione del clan vi era un vasto arsenale di armi da fuoco anche da guerra. Gli inquirenti hanno sequestrato 4 pistole semiautomatiche ed un revolver di grosso calibro, 2 fucili a pompa, un fucile mitragliatore da guerra, centinaia di munizioni di vario genere e calibro.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook