Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA A PALERMO: FERMATO BIONDINO FIGLIO AUTISTA RIINA, 5 ARRESTI

MAFIA A PALERMO: FERMATO BIONDINO FIGLIO AUTISTA RIINA, 5 ARRESTI

Secondo la Dda di Palermo Giuseppe Biondino sarebbe il nuovo reggente del mandamento di San Lorenzo. Tra i cinque arrestati anche il nipote del boss Maurizio Lo Iacono. Insieme progettavano la fuga dalla Sicilia. Intanto il pentito Sergio Macaluso svela Il nuovo organigramma di Cosa Nostra.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA A PALERMO: FERMATO BIONDINO FIGLIO DELL’AUTISTA DI RIINA, 5 ARRESTI –

La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. Le manette sono scattate anche per Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. I provvedimenti, firmati dal procuratore Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Salvo De Luca e dai pm Roberto Tartaglia, Amelia Luise e Annamaria Picozzi, sono stati eseguiti dai carabinieri di Palermo. Per gli inquirenti Biondino è il nuovo “reggente” del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di estorsione e associazione a delinquere di stampo mafioso.

Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per recarsi in Spagna con l’intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Assieme a lui è stato arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di “rango” in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. Lo stesso è accusato dell’incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per far perdere le proprie tracce. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione li segue pure Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

L’inchiesta dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo coordinata dalla Dda, ha permesso di ricostruire un’estorsione e due tentativi di estorsione nei confronti di imprenditori e commercianti di Palermo in cui sarebbe coinvolto Bartolomeo Mancuso, anche lui, come Biondino, finito in carcere. Scoperto anche il ruolo di Francesco Lo Iacono, 37 anni, nell’incendio che, la notte del 14 agosto 2015, distrusse una concessionaria della cittadina.

Intanto, Sergio Macaluso, definito nuovo collaboratore di giustizia, ha svelato agli inquirenti il nuovo organigramma di Cosa Nostra a Palermo. Lo stesso è stato arrestato dai carabinieri nell’inchiesta di dicembre scorso denominata ‘Talea’. Le indagini permisero di identificare e arrestare 25 mafiosi tra i quali Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito.

Il nuovo Macaluso ha dato un contributo rilevante al lavoro dei magistrati soprattutto ricostruendo i ruoli dei nuovi vertici della cosca e l’investitura di Biondino al comando del clan. Macaluso ha rivelato, tra l’altro, di aver partecipato alla riunione in cui il figlio dell’ex autista di Totò Riina sarebbe stato nominato capo. Lo stesso che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice dello storico mandamento mafioso di Resuttana- San Lorenzo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook