Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DISCARICA MOTTA, INIBITO CONFERIMENTO RIFIUTI PER 50 COMUNI DI PALERMO E TRAPANI

DISCARICA MOTTA, INIBITO CONFERIMENTO RIFIUTI PER 50 COMUNI DI PALERMO E TRAPANI

Emergenza nel Trapanese e nel Palermitano: la discarica di Motta Sant’Anastasia comune in provincia di Catania ferma la raccolta per un contenzioso finanziario. Il sindaco di Cefalù denuncia: «Situazione insostenibile».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DISCARICA MOTTA, INIBITO CONFERIMENTO RIFIUTI PER 50 COMUNI DI PALERMO E TRAPANI –

Scatta una nuova emergenza rifiuti in cinquanta comuni delle province di Palermo e Trapani. Da oggi è inibito il loro conferimento nella discarica di Motta Santa Anastasia, in provincia di Catania, a causa di un contenzioso finanziario. I 50 comuni interessati – tra cui Termini Imerese, Cefalù e Alcamo – sono quelli gestiti dalla società EcoAmbiente.

Dal 18 dicembre non possono più utilizzare Bellolampo che va verso la saturazione. Per fronteggiare la crisi era stata individuata una soluzione provvisoria: i rifiuti venivano prima trattati a Bellolampo e poi trasferiti a Catania con un aggravio di costi che aveva provocato l’allarme dei sindaci.

Mentre si cerca ancora, in un confronto con la Regione, una via d’uscita, scoppia un nuovo caso: la società Oikos, che gestisce la discarica catanese, ha chiesto una garanzia bancaria o assicurativa di quasi due milioni di euro che EcoAmbiente non è in grado di dare. Da qui la chiusura della discarica di Motta Santa Anastasia. “Da domani – dice il sindaco di Termini Imerese, Francesco Giunta – non saremo più in condizioni di raccogliere i rifiuti”. Secondo il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, “la situazione è diventata insostenibile”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook