Archiviato in | Musica, Spettacolo

PRESIDENTE MATTARELLA INAUGURA LA PRIMA DELLA STAGIONE LIRICA DEL BELLINI – INTERVISTE

PRESIDENTE MATTARELLA INAUGURA LA PRIMA DELLA STAGIONE LIRICA DEL BELLINI – INTERVISTE

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la prima volta nella storia ha presenziato all’inaugurazione della stagione lirica del Teatro Massimo «Vincenzo Bellini» che apre il cartellone con «la Rondine» di Giacomo Puccini. Tra l’altro si tratta anche della prima all’opera per il capo dello Stato che quest’anno non è stato presente come consuetudine a quella della Scala di Milano.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRESIDENTE MATTARELLA INAUGURA LA PRIMA DELLA STAGIONE LIRICA DEL BELLINI – INTERVISTE

“Inneggiamo alla vita, inneggiamo all’amore”. Questo il senso profondo della Rondine di Giacomo Puccini, che ha incantato il pubblico del teatro Bellini di Catania e del suo illustre ospite, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che per la prima volta nella storia ha presenziato all’inaugurazione della stagione lirica del tempio catanese. Tra l’altro si tratta anche della prima all’opera per il capo dello Stato che quest’anno non è stato presente come consuetudine a quella della Scala di Milano. Ad accoglierlo al suo arrivo l’inno di Mameli intonato dal coro del Bellini schierato in platea. Insieme a Mattarella nel palco delle autorità c’erano anche il neo Presidente della Regione Nello Musumeci, il Sindaco etneo Enzo Bianco, la senatrice Anna Finocchiaro e gli immancabili corazzieri. Un teatro blindato per l’occasione con un folto spiegamento di forze e con gli spettatori fatti arrivare in anticipo, per essere sottoposti senza troppo caos ai controlli dei metal detector. Pubblico delle grandi occasioni con donne ingioiellate con abiti fastosi e uomini, specie quelli delle prime file, in tight, tiepidi invece gli applausi a fine opera se non per pochi istanti solo per i due protagonisti e che non si sono prolungati neppure alla chiusura del sipario.

Delicata l’interpretazione del soprano Patrizia Ciofi, voce acuta senza sbavature al suo debutto nel ruolo di Magda e il tenore Giuseppe Filianoti, calabrese, famoso nei teatri internazionali, perfettamente all’altezza del ruolo. Entrambi raffinati interpreti ben amalgamati nei duetti, specie nel duetto finale dell’addio quando Ruggero dice a Magda nell’atto di lasciarlo, “possiate non pentirvene” . Buone anche le prestazioni vocali del baritono Marco Frusoni, nel ruolo di Rambaldo e del soprano Angela Nisi, la serva Lisette. “La rondine” è l’opera lirica più attuale di Puccini che descrive un mondo che cambia e che sembra rispecchiare il mondo di oggi, dove spesso l’interesse prevale sull’amore. Tre atti, intensi su libretto di Giuseppe Adami, concepita inizialmente come operetta e solo dopo sofferte vicissitudini e alcuni ripensamenti come opera rappresentata per la prima volta al Grand Théâtre de Monte Carlo il 27 marzo 1917. Ed è a questa edizione che si ispira il maestro Gianlugi Gelmetti, nella doppia veste di direttore e regista e che meglio evidenza la modernità della protagonista, consapevole della propria difficoltà di amare incondizionatamente e per sempre, nella misura in cui prevale in lei la determinazione alla realizzazione personale. Così Magda, avventuriera, donna navigata e mantenuta da Rambaldo, insegue un sogno, l’amore, puro e incontaminato, si innamora di un giovane banale e provinciale, Ruggero, e lo segue in Costa Azzurra. Ma di fronte alla realtà l’incantesimo si rompe. Ruggero chiede di sposarla, e Magda ritorna nel passato della sua vita dissoluta a Parigi.

Tre atti, marcati musicalmente da un ritmo veloce e godibile anche ad un orecchio non esperto, di raffinatezza orchestrale che non va resa “pucciniana” in senso tradizionale, e l’ha splendidamente dimostrato Gelmetti con la sua direzione sensibile, arabescata ma anche asciutta e incisiva, con un po’ di languore. Ha avuto la collaborazione dell’orchestra del Bellini apprezzabile per il livello complessivo più che per forti individualità. Quanto all’allestimento scenografico di Pasquale Grossi, ci riporta a Parigi com’era e dov’era, negli anni in cui Puccini la compose, nei locali peccaminosi del secondo Ottocento in un fitto gioco di rimandi all’arte figurativa e alle decorazioni d’epoca, mentre la Grande Guerra spegnerà gli ultimi splendori dell’Art Nouveau. Il sipario del Bellini si è dunque aperto su una partitura che forse in questo momento in particolare e specie con la presenza del Presidente Mattarella vuole lanciare un messaggio per la nostra Nazione, quello di essere padrona del proprio destino, un destino che vola alto così come una rondine.

Elisa Petrillo

Fotografia, servizio video e montaggio Davide Sgroi

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook