Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MATTARELLA A CATANIA IN VISITA NEL QUARTIERE LIBRINO

MATTARELLA A CATANIA IN VISITA NEL QUARTIERE LIBRINO

Il capo dello stato in visita agli orti urbani del quartiere Librino di Catania e alla struttura Club house dell’associazione Briganti recentemente incendiata. Pochi residenti presenti. Gli abitanti del rione guardano da dietro le finestre. Poi l’intitolazione di un viale all’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e infine la prima al Teatro Bellini.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MATTARELLA A CATANIA IN VISITA NEL QUARTIERE LIBRINO –

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Catania in visita agli Orti urbani del quartiere Librino, dove ha fatto la prima tappa. E’ arrivato poco prima delle 15.45, in ritardo di tre quarti d’ora sulla tabella di marcia, tra un corteo di auto blu. Al suo arrivo i saluti, secondo il cerimoniale, prima la ministra per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gianfranco Micciché e infine il sindaco di Catania Enzo Bianco.

Subito dopo, il capo dello stato ha ascoltato un brano eseguito dall’orchestra giovanile di Librino e si è intrattenuto negli appezzamenti di coltivati dai cittadini del quartiere. Poi ha incontrato Stefano Curcuruto, il presidente dell’associazione dei Briganti rugby di Librino – la cui struttura è stata incendiata la settimana scorsa. Mattarella ha raccomandato di non perdete questo patrimonio che: «è fatto dei vostri bambini, continuate questa esperienza». Nello spazio antistante gli Orti urbani c’erano soltanto i bambini dell’orchestra di Librino e i loro genitori, assieme ai politici presenti e ad alcuni baby sindaci. Giornata ventosa e fredda e nessun residente. Il rione alla periferia Sud della città era perfettamente blindato: artificieri, unità cinofile, cecchini sui tetti, elicotteri che sorvolavano l’intera zona dalla mattina. Il clima era quello delle grandi occasioni. La presenza del presidente Mattarella, era un evento per il quartiere, dove mai nessun capo di stato si era presentato in visita istituzionale.

Un’ora dopo l’arrivo poco dopo le 16.30, il titolare pro tempore del Quirinale si è spostato sempre in zona per inaugurare il viale Carlo Azeglio Ciampi. Nei loro interventi, il presidente Musumeci e il sindaco Bianco, hanno ricordato la visita di Ciampi nel capoluogo etneo del 1998. Musumeci ha ricordato che: «Librino ha fatto dei passi avanti e oggi l’arrivo del presidente Mattarella è un segnale importante» e ancora «Dal grigiore dei cento morti ammazzati l’anno si era passati alla primavera» riferendosi alla stretta collaborazione che lo legava allora, nel suo ruolo di presidente della provincia, al primo cittadino Enzo Bianco, vent’anni fa ricopriva lo stesso ruolo istituzionale di oggi. E ancora Musumeci, ascoltato a debita distanza da almeno una quindicina di vedette dello spaccio, e da pochi residenti intervenuti, ha ricordato di avere «tolto il Palazzo di cemento alla mafia». Si tratta dell’edificio di viale Moncada sgomberato nel 2011 e adesso in corso di riqualificazione nonostante l’arresto momentaneo dei lavori, causato dal ritrovamento, nei piani più alti, di alcuni ordigni esplosivi. Inoltre ha aggiunto: «Il prossimo impegno è aprire l’ospedale San Marco. Ho già parlato con l’assessore Ruggero Razza (alla Sanità, ndr) e c’è la volontà di raggiungere questo risultato». Intanto, però, gli anni di ritardo si moltiplicano e la struttura, realizzata dalla ditta ‘Tecnis’, tra le mille peripezie che l’hanno accompagnata è ancora vuota. La scelta di inaugurare viale Ciampi assieme al presidente della Repubblica, però, resta un valore simbolico per una parte del quartiere Librino che è rimasto a guardare dall’alto l’ospedale San Marco, eterna incompiuta nonostante le tante promesse.

Il Presidente della Repubblica si è recato poi nella biblioteca Civica Ursino Recupero che si trova all’interno dell’ex monastero dei Benedettini, dove è custodita, tra gli altri, la preziosa e rara Bibbia miniata del Cavallini, ritenuta tra le cinque piu’ belle al mondo. Come ultimo appuntamento ha partecipato alla prima del Teatro Massimo ‘Vincenzo Bellini’ dove assisterà allo spettacolo che ha inaugurato la stagione lirica 2018: la prima de ‘La rondine’ di Puccini, una produzione del maestro Gianluca Gelmetti che ha curato la regia e diretto l’orchestra dell’ente musicale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook