Archiviato in | Cronaca Sindacale, Lavoro

CIPI DELOCALIZZA L’ATTIVITÀ, 53 LAVORATORI A CASA

CIPI DELOCALIZZA L’ATTIVITÀ, 53 LAVORATORI A CASA

Cipi, l’azienda catanese leader nella realizzazione di gadget pubblicitari ha deciso di trasferire la produzione all’estero. Dura la risposta dei sindacati: «Gravissimo il tentativo di delocalizzazione».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CIPI DELOCALIZZA L’ATTIVITÀ, 53 LAVORATORI A CASA –

Cipi delocalizza l’attività all’estero.  Lo stabilimento produttivo di Catania dell’azienda leader nel settore della realizzazione di gadget pubblicitari verrà spostato all’estero. Da oggi 53 famiglie siciliane sono senza lavoro – denunciano Gianpiero Vasta, Cgil Slc, e il segretario regionale Fistel Cisl, Antonio D’Amico: «Mentre il governo nazionale annuncia agevolazioni rivolte al rilancio delle aziende del Sud, in Sicilia, chiude una realtà importante a livello internazionale. L’azienda, fondata negli anni ’60 dall’imprenditore Rosario Circo, è stata oggetto di diversi passaggi di proprietà tra la vecchia Seat Pagine Gialle e la famiglia Circo, rientrata definitivamente nel marzo del 2014, a seguito di una ristrutturazione che ha comportato il licenziamento del 50% del personale in forza a Catania. Sono stati anni difficili e densi di sacrifici, anche economici, per i dipendenti della sede catanese».

E ancora i rappresentanti sindacali dicono: «Con un fatturato in aumento del 40% rispetto al 2016, oggi l’azienda esprime cordoglio per una ‘necessaria chiusura della filiera produttiva della sede catanese’ a causa dell’alto costo del lavoro e delle tasse da versare per mantenere in attività l’organico e la struttura logistica». In conclusione i delegati sindacali affermano: «L’azienda proseguirà l’attività commerciale della sede centrale milanese e il lavoro di personalizzazione verrà principalmente eseguito all’estero. Siamo, di nuovo, di fronte a un gravissimo tentativo di delocalizzazione che vedrà 53 famiglie siciliane senza lavoro». Inoltre confermano: «Come sindacati metteremo in atto tutti i mezzi di contrattazione e di mobilitazione indispensabili per mantenere inalterato il perimetro occupazionale della sede catanese».

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook