Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GENITORI PICCHIANO INSEGNANTE AD AVOLA

GENITORI PICCHIANO INSEGNANTE AD AVOLA

«E’ il prof che deve scusarsi con mio figlio» questo è quanto stato detto dai genitori dell’alunno che hanno aggredito un insegnante ad Avola. Il docente avrebbe l’intenzione di lasciare la scuola. La madre non si pente: «Sono stata io a colpirlo, aspetto un suo gesto».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GENITORI PICCHIANO INSEGNANTE AD AVOLA –

La vicenda è avvenuta ad Avola comune in provincia di Siracusa, dove l’insegnante di educazione fisica, Salvatore Busà, ha manifestato l’intenzione di lasciare la scuola. L’uomo è stato aggredito da una coppia di genitori che l’ha picchiato fratturandogli una costola.
Intanto dalla scuola nessuna comunicazione ufficiale. Il prof. dovrà presentare alla dirigente il certificato medico e una relazione nella quale racconta cosa è successo quella mattina. Convocato un consiglio d’istituto straordinario per capire cosa sia successo e quali provvedimenti adottare nei confronti del dodicenne, figlio della coppia.
Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, l’alunno avrebbe lanciato un libro verso la cattedra. Il professore l’avrebbe rimproverato nell’atto di restituirglielo, facendo cadere l’oggetto sul banco.
La madre, invece ha una versione diversa: «Il bambino aveva semplicemente aperto la finestra e il professore gli ha detto di chiuderla; gli avrebbe tirato un libro colpendolo allo stomaco e per questo ho dovuto portare mio figlio al pronto soccorso».
La donna non accenna a nessun pentimento, la stessa si era recata in pigiama a scuola appena contattata dal ragazzo e ribadisce: «Sono stata io a colpire il professore, sono stata un po’ violenta, ma gli chiederò scusa solo se lui chiederà scusa a mio figlio».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook