Archiviato in | Conferenze, Incontri, Musica, Spettacolo

PRESENTATA NEL FOYER DEL BELLINI L’OPERA “LA RONDINE” DI PUCCINI

PRESENTATA NEL FOYER DEL BELLINI L’OPERA “LA RONDINE” DI PUCCINI

Gelmetti che firmerà anche la regia ha spiegato «L’opera avrà una sua identità che non ho voluto ostentare nella mia elaborazione, sarà il pubblico di volta in volta ad immedesimarsi in essa e scegliere a chi esser devoto. Allo spettatore lascio dunque l'interpretazione dell'epilogo».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRESENTATA NEL FOYER DEL BELLINI L’OPERA “LA RONDINE” DI PUCCINI –

«Un’opera protofemminista, attuale e drammaturgicamente la più avanzata di Puccini». Con queste parole il direttore d’orchestra Gianluigi Gelmetti presenta «La rondine’, uno dei capolavori del genio lucchese che martedì prossimo inaugurerà la stagione lirica del teatro Bellini di Catania. Oltre al regista e direttore d’orchestara, il sovraintendente Roberto Grossi, il direttore artistico Francesco Nicolosi e la prof.ssa Graziella Seminara hanno presentato l’evento.  Un’inaugurazione in grande stile che vedrà la presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Intanto questo pomeriggio alle 16.30 nel foyer del teatro si è svolto il consueto preludio all’opera alla presenza di numerosi studenti che hanno potuto conoscere la genesi di un’opera dalla gestazione complessa, nella quale la ricerca sociale pucciniana diventa realtà. Il sipario del Bellini si aprirà dunque su un’opera molto amata dal maestro Gianluigi Gelmetti , tra i primi e più ferventi difensori di questa raffinata commedia lirica in tre atti su libretto di Giuseppe Adami che il maestro romano ha inciso con l’Orchestra della Rai di Milano nel 1981. In questo allestimento che porta la firma di Pasquale Grossi nelle scenografie, Gelmetti firmerà anche la regia. «L’opera avrà una sua identità che non ho voluto ostentare nella mia elaborazione, sarà il pubblico di volta in volta ad immedesimarsi in essa e scegliere a chi esser devoto. Allo spettatore lascio dunque l’interpretazione dell’epilogo». Quanto al cast il soprano Patrizia Ciofi e il tenore Giuseppe Filianoti, per la prima volta sul palcoscenico catanese nelle vesti rispettivamente di Magda e Ruggero, contribuiranno ad accendere ulteriormente l’interesse per un titolo che mancava dal palcoscenico etneo dal 1991. Per questioni di sicurezza infine, l’accesso al pubblico verrà anticipato dalle ore 18.45 alle ore 19.30.

Elisa Petrillo

Davide Sgroi Fotografo

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook