Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LE MANI DEL CLAN CAPPELLO SUI SUPERMARKET

LE MANI DEL CLAN CAPPELLO SUI SUPERMARKET

Gli agenti della Squadra Mobile e della Divisione Anticrimine della Questura di Catania, hanno eseguito il sequestro dell’intero patrimonio aziendale di una catena di supermercati, a marchio Gm, riconducibili a un imprenditore ritenuto vicino al clan mafioso Cappello. I supermarket erano presenti nell’area urbana della città etnea e nella provincia. Il totale dei beni sono stati stimati in 41 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LE MANI DEL CLAN CAPPELLO SUI SUPERMARKET –

Sequestrati dalla divisione polizia anticrimine della Questura di Catania beni per 41 milioni di euro a un imprenditore «ritenuto orbitante nell’area di influenza del clan Cappello». Su richiesta della Dda della Procura il provvedimento del Tribunale che fa seguito a una proposta del questore e riguarda beni mobili, immobili ed imprese, in forma individuale e societaria, soprattutto nel settore della grande distribuzione alimentare. Sigilli sono stati posti a 13 supermercati e bloccati i conti correnti. Gli agenti della Squadra Mobile e della Divisione Anticrimine della Questura di Catania, hanno eseguito il mandato e sottoposto a sequestro l’intero patrimonio aziendale di una catena di supermercati, a marchio Gm, presenti nell’area urbana e nella provincia etnea.

La sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania ha emesso il provvedimento e disposto il «sequestro di beni illecitamente conseguiti da soggetti gravitanti nell’area della cosca Cappello-Bonaccorsi».

Secondo l’accusa avevano costruito un impero, soprattutto nel settore della grande distribuzione attraverso il riciclaggio di denaro dalla provenienza illecita. Lo avrebbe realizzato in pochi anni Michele Guglielmino, 48 anni, ritenuto vicino alla cosca mafiosa Cappello.

Il provvedimento è il resoconto di una dettagliata proposta avanzata dal questore di Catania, in accordo con la Procura, per l’applicazione nei confronti di Guglielmino di una misura di prevenzione personale e patrimoniale ed è il frutto di una complessa attività investigativa condotta da un gruppo di lavoro della Divisione Polizia Anticrimine e della Squadra mobile, con il coordinamento del Servizio centrale anticrimine. Michele Guglielmino, detto “Michele da Gesa”, è stato ritenuto particolarmente attivo nel traffico degli stupefacenti e in passato indagato e condannato. La sua “vicinanza” al clan mafioso Cappello è sostenuta da collaboratori di giustizia.

Inoltre le indagini avrebbero confermato la vicinanza dell’indagato ad Angelo Cacisi, elemento di vertice della cosca, al quale, secondo la Procura, ne avrebbe favorito la latitanza, oltre a essere già coinvolto in un due operazioni antidroga a Enna e Catania. Secondo l’accusa Guglielmino si è distinto nella capacità essersi inserito nel mercato della grande distribuzione di generi alimentari, reimpiegando il denaro nell’acquisto di beni e nella costituzione di numerose attività commerciali, tutte a lui riconducibili. A suo carico è stata anche richiesta l’applicazione della misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook