Archiviato in | Musica, Spettacolo

LA RONDINE DI PUCCINI APRE LA NUOVA STAGIONE DEL BELLINI DI CATANIA

LA RONDINE DI PUCCINI APRE LA NUOVA STAGIONE DEL BELLINI DI CATANIA

Alla prima del 16 gennaio sarà presente Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Gianluigi Gelmetti firma l’allestimento nella doppia veste di direttore d’orchestra e regista. In scena dal 16 al 24 gennaio, con il soprano Patrizia Ciofi al debutto nel ruolo del titolo, il tenore Giuseppe Filianoti, il soprano Angela Nisi, il tenore Andrea Giovannini e il baritono Marco Maracchioni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LA RONDINE DI PUCCINI APRE LA NUOVA STAGIONE DEL BELLINI DI CATANIA –

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sarà presente alla serata inaugurale della stagione lirica del Teatro Massimo Bellini di Catania, fissata per il 16 gennaio alle ore 20.30. il Teatro apre la stagione lirica 2018 con una nuova produzione che vede il maestro Gianluigi Gelmetti nella doppia veste di direttore e regista. Il soprano Patrizia Ciofi e il tenore Giuseppe Filianoti contribuiscono ad accendere ulteriormente l’interesse per un titolo che mancava dal palcoscenico etneo dal 1991 (e anche in quel caso aveva inaugurato il cartellone con un allestimento doc, proveniente proprio dall’Opéra monegasca, con scene e costumi firmate dallo stilista tedesco Karl Lagerfeld). E’ proprio un’autentica ‘Renaissance’ quella che sta riportando in auge quest’opera per molti aspetti innovativa, suscitando consensi sempre più convinti nel panorama operistico internazionale, anche sulla scorta delle celebrazioni per il centenario della prima rappresentazione, avvenuta il 27 marzo del 1917 all’Opéra di Monte-Carlo.

“La Rondine” – libera sogna di volare sull’Oceano. E’ un’opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Adami. La critica riporta che fu originariamente concepita come operetta, composta tra il maggio del 1914 e l’aprile del 1916, che fu concepita grazie a un contratto da 200mila corone – con gli impresari del Carltheater di Vienna. Insoddisfatto dell’impianto drammatico conferito dai librettisti Heinz Reichert ed Alfred Willner, Puccini, volle trasformare “La Rondine” in un’opera vera e propria affidandosi al commediografo italiano. Dopo sofferte vicissitudini e alcuni ripensamenti l’opera fu rappresentata per la prima volta al Grand Théâtre de Monte Carlo il 27 marzo 1917 diretta da Gino Marinuzzi (1882-1945) con Gilda Dalla Rizza, Tito Schipa e Francesco Dominici: l’accoglienza fu festosa, diversamente da quanto avvenne poi a Bologna.

L’opera è ancora straordinariamente attuale: la vicenda di una donna divisa tra due uomini che rappresentano due universi distanti. Narra il destino del dilemma della scelta tra un’agiata e frivola vita borghese e una grande passione con uno squattrinato. La protagonista dell’opera, Magda, ama la vita mondana parigina e aspira a un amore romantico e passionale. Così l’incontro con Ruggero sembra soddisfare il suo desiderio. Ma nel momento in cui costui sta per sposarla lei decide di ritornare dal generoso banchiere Rambaldo. Una donna forte e consapevole, in qualche modo una mancata eroina da opera lirica, né trionfatrice, né vittima sacrificale.

Con questa composizione, Puccini ci lascia un documento di ricerca sociale di un mondo che si trasformava e anche ci lascia sbalorditi musicalmente. Infatti, improvvisamente sembra accennare a un’aria, sedurre lo spettatore con un “motivetto” ma non lascia il tempo all’orecchio di abituarsi, perché interviene con un elemento di rottura. Tre atti, marcati da un ritmo veloce e godibile anche ad un orecchio non esperto, ma forse a tratti non non si identifica nella tipicità della musicalità pucciniana – con un ritornello nel capo, ma con una marcata storia musicale.

Il sipario del Bellini si aprirà dunque su un’edizione lungamente meditata da Gianluigi Gelmetti, da qualche mese direttore principale ospite del teatro, tra i primi e più ferventi difensori di questa raffinata commedia lirica in tre atti – su libretto di Giuseppe Adami – che il maestro romano ha inciso con l’Orchestra della Rai di Milano nel 1981. Seguendo una blasonata tradizione che è già stata di Karajan, Gelmetti firmerà altresì la regia di quella che definisce come «l’opera più inquieta, ambigua, attuale e drammaturgicamente più avanzata di Puccini» capolavoro della piena maturità del genio lucchese.

L’allestimento scenografico è di Pasquale Grossi, che la riporta com’era e dov’era, a Parigi negli anni in cui Puccini la compose, in un fitto gioco di rimandi all’arte figurativa e alle decorazioni d’epoca, mentre la Grande Guerra spegnerà gli ultimi splendori dell’Art Nouveau. Nel ruolo di Magda – che il direttore e regista inscrive a pieno titolo nella galleria delle declinazioni femminili pucciniane, «personaggio enigmatico, sensibile, egoista e altruista, affascinante, sognatrice, pragmatica e realista, dolce, materna» – debutta Patrizia Ciofi, raffinata belcantista, reduce dal recente successo nel ruolo ‘enciclopedico’ di Norma al Théâtre Royal di Liegi, per la prima volta al Bellini. Pure per il tenore Giuseppe Filianoti sarà la prima volta nella sala del Sada, dove riproporrà il ruolo di Ruggero, già impersonato allo Châtelet di Parigi e al Metropolitan di New York, al fianco di Angela Gheorghiu. Nei ruoli principali si indicano ancora il soprano Angela Nisi (Lisette), il tenore Andrea Giovannini (Prunier) e il baritono Marco Maracchioni (Rambaldo). Nelle parti di fianco Ivanna Speranza (Yvette) , Katarzyna Medlarska (Bianca), Pilar Tejero (Suzy /un cantore), Jesus Piñeiro (Gobin), Giuseppe Toia (Périchaud), Salvo Di Salvo (Crébillon / Un maggiordomo).

Sono previste sette rappresentazioni con il seguente calendario:

Martedì 16 gennaio ore 20,30 (Turno A), Giovedì 18 gennaio ore 17,30 (Turno R), Venerdì 19 gennaio ore 20,30 (Turno B), Sabato 20 gennaio ore 17,30 (Turno S1), Domenica 21 gennaio ore 17,30 (Turno D), Martedì 23 gennaio ore 17,30 (Turno S2), Mercoledì 24 gennaio 2018 ore 17,30 (Turno C). Il direttore d’orchestra Leonardo Catalanotto salirà sul podio al posto di Gelmetti nelle recite del 19, 20, 23, 24 gennaio; in quelle del 18, 20 e 23 gennaio subentreranno Cristiana Oliveira (Magda), Danilo Formaggia (Ruggero), Ivanna Speranza (Lisette), Francesco Castoro (Prunier), Sofia Folli (Yvette).

La rondine

Commedia lirica in tre atti
Libretto di Giuseppe Adami
Musica di Giacomo Puccini

Personaggi e interpreti

Magda Patrizia Ciofi, Cristiana Oliveira (18, 20, 23)

Ruggero Giuseppe Filianoti, Danilo Formaggia (18, 20, 23)

Lisette Angela Nisi, Ivanna Speranza (18, 20, 23)

Prunier Andrea Giovannini, Francesco Castoro (18, 20, 23)

Rambaldo Marco Frusoni

Yvette Ivanna Speranza, Sofia Folli (18, 20, 23)

Bianca Katarzyna Medlarska

Suzy Pilar Tejero

Gobin Jesus Piñeiro

Périchaud Giuseppe Toia

Crébillon Salvo Di Salvo

Un maggiordomo Salvo Di Salvo

Un cantore Pilar Tejero

Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini di Catania

Maestro concertatore e direttore Gianluigi Gelmetti

Direttore Leonardo Catalanotto (19, 20, 23, 24)

Maestro del coro Gea Garatti Ansini

Regia Gianluigi Gelmetti

Scene e costumi Pasquale Grossi

Regista collaboratore Eleonora Paterniti

Nuovo allestimento

Con sopratitoli in italiano e in inglese

a cura di Prescott Studio, Firenze,

con Inserra Chair (Montclair State University) e ICAMus, USA

Durata: 2 ore e 10 minuti (con un intervallo)

Prima rappresentazione

Martedì 16 gennaio 2018 ore 20,30 (Turno A)

Repliche

Giovedì 18 gennaio 2018 ore 17,30 (Turno R)

Venerdì 19 gennaio 2018 ore 20,30 (Turno B)

Sabato 20 gennaio 2018 ore 17,30 (Turno S1)

Domenica 21 gennaio 2018 ore 17,30 (Turno D)

Martedì 23 gennaio 2018 ore 17,30 (Turno S2)

Mercoledì 24 gennaio 2018 ore 17,30 (Turno C)

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook