Archiviato in | Spettacolo, Teatro

SOGNO DI UNA NOTTE A BICOCCA IN SCENA AL CENTRO ZO – INTERVISTA

SOGNO DI UNA NOTTE A BICOCCA IN SCENA AL CENTRO ZO – INTERVISTA

Francesca Ferro: «Questo spettacolo nasce da una esperienza vera. Questi non sono personaggi di pura fantasia, ma sono personaggi vivi, che esistono all’interno del carcere di Bicocca».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

SOGNO DI UNA NOTTE A BICOCCA IN SCENA AL CENTRO ZO – INTERVISTA –

«Quando nasci in una famiglia di attori, segui le orme che sono state tracciate. Io ho iniziato a sei anni nelle Troiane di Seneca, interpretavo il ruolo di Astianatte. All’inizio non ero molto entusiasta di lavorare in teatro, ma poi l’ho guardato con occhi diversi: l’ho visto come un gioco che mi divertiva». Così inizia la mia intervista a Francesca Ferro, dialogando sul suo approccio con il mondo del teatro. Un mondo intrinseco di passione, legato indissolubilmente alla sua sicilianità che l’ha indotta a ritornare nella sua terra, la Sicilia: «Mio padre mi consigliava di uscire fuori dalla mia città, così sono andata via a diciotto anni, facendo esperienze al di là di Catania. Poi, però, sono ritornata, perché credo che il nostro essere siciliani non possa prescindere da noi. Dobbiamo portare avanti la nostra terra e cercare di valorizzare la nostra sicilianità», spiega la Ferro. E questa sua sicilianità l’ha indotta a fondare il Teatro Mobile di Catania: «Ho abbandonato lo Stabile da molto tempo, o meglio vi ho lavorato saltuariamente: sia perché ero andata via da Catania, sia perché ho sentito il bisogno di intraprendere la mia strada. Nell’età adulta ho voluto partorire un qualcosa di mio, un qualcosa che lasciasse libera la mia creatività, che la lasciasse sviluppare, espandersi, plasmando un gruppo di giovani talenti, che rispecchia una nuova realtà: il mio modo di vedere il teatro. – continua l’attrice – che chiarisce anche il suo ruolo di direttrice artistica- […] Non voglio mantenere cristallizzato il modo di fare teatro e sto cercando con Francesco Maria Attardi, cofondatore del Teatro Mobile e mio compagno, di creare una realtà più attuale e vicina ai gusti della gente moderna, aperta ai giovani nell’anima e nella mente».

Francesca Ferro questa realtà la sta portando avanti con fantasia e libertà, caratteristiche intrinseche allo spettacolo Sogno di una notte a Bicocca, una reinterpretazione dell’opera Sogno di una notte di mezza estate di W. Shakespeare in chiave ironica e tragica allo stesso tempo. Lo spettacolo è incentrato sulle figure dei detenuti: uomini che, se incontrati per strada, la gente scansa per paura di incrociare lo sguardo, perché li considera esseri senza anima. Ma, in realtà, quegli esseri l’anima la possiedono e Francesca Ferro è riuscita a farla emergere con la forza del teatro, che assolve una funzione morale, perché provoca la catarsi. Questo è l’effetto del teatro sui detenuti, i quali decidono di fare ammenda per le colpe commesse e tentare di dimenticare per quanto possibile le loro pene.

«Questo spettacolo nasce da una esperienza vera. Questi non sono personaggi di pura fantasia, ma sono personaggi vivi, che esistono all’interno del carcere di Bicocca. – racconta la Ferro- Naturalmente non faccio i veri nomi, ma sono tutti ispirati a persone reali che hanno messo in scena insieme a me e al mio compagno Sogno di una notte di mezza estate all’interno del penitenziario, dove gli stessi detenuti erano sia pubblico che attori. Un teatro dentro il teatro! È stata un’esperienza talmente forte e utile che ho sentito il bisogno di riprodurla, perché Bicocca, a differenza del mondo teatrale, è il luogo meno adatto per sognare ed evidenziare questo contrasto è stato interessante. I personaggi sono veri, forti, emozionanti, comici, simpatici, antipatici, duri, paurosi. Non esiste la differenza tra il bene e male, non sono due entità antitetiche, ma si mescolano continuamente, sforando ogni limite».

I personaggi, infatti, danno libero sfogo alle proprie emozioni, alle proprie passioni grazie al teatro, che li rende più sereni, incoraggiati ad affrontare quel poco che la vita offre loro all’interno di una misera cella. E il messaggio di Francesca Ferro è forte, impetuoso: è il messaggio dell’arte, della comunicazione: lei è riuscita a dar voce a coloro che voce non hanno. «Attraverso l’arte, attraverso Shakespeare, il sogno, la fantasia si possono salvare le persone circoscritte a contesti che non permettono loro di esseri liberi: l’arte è catartica e può salvare il mondo».

Intervista e articolo Eleonora Bellina

Riprese video e montaggio Davide Sgroi

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook