Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

REGIONE SICILIANA, INCONTRO CON I RETTORI DELLE UNIVERSITÀ

REGIONE SICILIANA, INCONTRO CON I RETTORI DELLE UNIVERSITÀ

Il presidente Musumeci cerca una strada per rilanciare la Sicilia. la giunta regionale inizia incontrando i Rettori delle Università e poi i nove prefetti dell’isola.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE SICILIANA, INCONTRO CON I RETTORI DELLE UNIVERSITÀ –

Incontro con ai Rettori delle 4 Università siciliane, poi un’altra riunione con i nove prefetti dell’isola, e ancora la missione a Roma dove si incontrerà il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Bressa. La giunta regionale ha già iniziato uno screening della situazione siciliana e poi averla già resa nota, ha focalizzato il complesso sistema dei rifiuti e i conti della Regione, compreso il ritiro di importanti provvedimenti del governo Crocetta considerati inadeguati, così come in precedenza comunicato, la giunta regionale ora cerca di organizzare un percorso di dialogo sul quale costruire le basi per riordinare il sistema dell’Ente.

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, riceverà nel pomeriggio, nella Sala degli specchi di Palazzo d’Orleans, i rettori delle quattro università siciliane. L’incontro con i vertici degli atenei di Palermo, Catania, Messina ed Enna servirà a definire un programma di collaborazione tra la Regione e il sistema accademico siciliano, anche in relazione ai temi dell’istruzione e della ricerca universitaria, considerati prioritari per la formazione e l’occupazione dei giovani. Una sinergia, ritenuta fondamentale dal governo regionale, per arginare la ‘fuga dei cervelli’ e favorire l’accesso al mondo del lavoro. Sostanziale sarà la tappa fissata a metà gennaio quando vi sarà l’incontro con i prefetti per parlare di sicurezza. Molto importante anche il tavolo programmato col Sottosegretario per incominciare a parlare seriamente dei conti e dei rapporti fra Stato e Regione.

Oltre alle conferenze stampa di denuncia, seguiranno nei primi  giorni di febbraio, delle operazioni verità sulle partecipate. Così il governo continua a ritirare le possibili attività cancellabili di Crocetta e compagni. Dopo il ritiro del Def e quello dell’Avviso 8 della Formazione professionale, sotto analisi vi sono altri documenti a cominciare dalla rimodulazione della rete ospedaliera che potrebbe nuovamente cambiare.

Intanto domenica sera nel programma televisivo di La 7 l’Arena condotta da Giletti è tornata in scena la Sicilia canaglia e sprecona dove è stato invitato l’ex presidente Rosario Crocetta in versione opinionista che ha analizzato alcuni dei problemi posti. Però al centro della scena a denunciare la Sicilia sprecona per gli stipendi d’oro dell’Ars ha fatto il suo ingresso l’ex assessore Vincenzo Figuccia; a difendere il nuovo governo dell’isola, paradosso, l’assessore Vittorio Sgarbi che a modo ha tentato di dire che la sicilia è bella per la sua arte. E ancora, nel corso della discussione una serie di inesattezze, mezze verità o mezze bugie e una gran confusione, come quella delle sedici mensilità che in realtà si riferiscono a quelle dei commessi applicate non per una distorsione legislativa siciliana. Sono sì una distorsione ma che nasce dal Senato al quale l’Ars resta legata. Sono sedici le mensilità dei commessi del Senato e anche di quelli dell’Ars. Ma solo dei commessi. E intanto nessuno ha parlato del Senato della Repubblica perché probabilmente tutti erano allo scuro dei fatti. Effetto demonizzante di una trasmissione che denuncia senza basi certe e accertate, senza spiegazioni, senza dati e messa su con urla, sovrapposizioni e piena di contraddizioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook