Archiviato in | Spettacolo, Teatro

IN ATTESA DI GIUDIZIO AL TEATRO VERGA DI CATANIA

IN ATTESA DI GIUDIZIO AL TEATRO VERGA DI CATANIA

"In attesa di Giudizio" arricchita dalle voci di Renato Scarpa e Paolo Briguglia e da un “coro” di attori di diverse generazioni, sarà in programmazione al Teatro Verga dal 9 al 14 gennaio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

IN ATTESA DI GIUDIZIO AL TEATRO VERGA DI CATANIA –

La giustizia è realmente in grado di difendere i cittadini? Il diritto si evolve con l’evolversi della società, oppure la norma impedisce l’impetuoso rinnovarsi della vita? Queste sono le riflessioni di Roberto Andò che mette in scena due opere che, seppur possono apparire diverse tra loro, sono legate da un unico filo conduttore: la sete di giustizia.  «[…] oltre alla triade che officia il processo, ossia l’avvocato, il giudice, il pubblico ministero, troviamo le vittime e i loro carnefici, ma anche figure quali Cristo, Pilato, Socrate, Voltaire», spiega Roberto Andò. Così il regista e scrittore riassume il cuore della sua opera teatrale, che si presenta in una complice dualità di sequenze. Inizia dal problema della coscienza con È una commedia? È una tragedia? di Thomas Bernhard, nella traduzione di Vittoria Rovelli Ruberl, con Fausto Russo Alesi affiancato da Filippo Luna; completa il cast la vocalist Simona Severini.

Segue Roberto Andò, che allestisce In attesa di giudizio, tratto da Il mistero del processo di Salvatore Satta, in cui emerge l’enigma del giudizio fra la ritualità del rito processuale e i nodi insolubili che dettano i requisiti della sconfinata instabilità della coscienza. «Il nucleo fondante – chiarisce Roberto Andò – è […] il mistero del processo. Un concetto che corrisponde al mistero della vita vincolata all’idea che qualcuno un giorno darà un giudizio di noi».

Il giudizio lasciato alla discrezionalità del giudice, il giudizio atteso dal colpevole: «[…]Vi si alternano la voce di un assassino e quella di un giurista, entrambe impegnate a frugare nelle pieghe insensate e labirintiche dell’esistenza come forma giuridica», aggiunge Roberto Andò. Il giurista (Fausto Russo Alesi) con la mente convoca una moltitudine di persone, vittime e carnefici: «Il pubblico – continua R. Andò – potrà vederli nel momento fatale in cui si incontrano facendo succedere tante cose, in quello che si rappresenta come teatro della mente. Del resto, il processo è una forma di teatro, o di gioco, in cui tutti i convenuti sfuggono al giudizio. E qui siamo di fronte ad una requisitoria senza appello sul senso del processo. Una fuga sul giudizio, sull’angosciosa, e inane, pretesa del diritto di inseguire e bloccare nella norma il tumultuoso rinnovarsi della vita e dell’esperienza. In attesa di giudizio non è una riflessione cinica, ma tragica e amara: è dolorosa, ma lascia spazio alla pietà».

L’opera, arricchita dalle voci di Renato Scarpa e Paolo Briguglia e da un “coro” di attori di diverse generazioni, sarà in programmazione al Teatro Verga dal 9 al 14 gennaio. L’installazione scenica e le luci sono di Gianni Carluccio, che firma anche i costumi insieme ad Antonella D’Orsi, il suono è curato da Hubert Westkemper, le musiche sono di Marco Betta, la regia di Roberto Andò è ripresa da Luca Bargagna. La produzione è stata realizzata dal Teatro Stabile di Catania in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival, Napoli Teatro Festival Italia e Nuovo Teatro diretto da Marco Balsamo.

Eleonora Bellina

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook