Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRENT’ANNI FA L’OMICIDIO DI PIERSANTI MATTARELLA

TRENT’ANNI FA L’OMICIDIO DI PIERSANTI MATTARELLA

Pietro Grasso: «L’omicidio di Piersanti Mattarella ha bloccato il rinnovamento della politica». Musumeci: «Mattarella voleva una Regione con le carte in regola. Se lo avessimo tutti ascoltato le condizioni della Regione oggi sarebbero diverse e il rapporto di sfiducia dei cittadini con l’istituzione non sarebbe così bassa». Lumia: «È una ferita ancora aperta perché non ci si può rassegnare alla verità giudiziaria fin qui raggiunta. Ha fatto bene la Procura di Palermo, guidata da Lo Voi, a riaprire il caso. Mafia, politica, affari, apparati e trame nere hanno fatto capolino intorno a questo omicidio che ha segnato la storia della Sicilia».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TRENT’ANNI FA L’OMICIDIO DI PIERSANTI MATTARELLA –

Il presidente del Senato Pietro Grasso a margine della cerimonia di commemorazione dell’ex presidente della Regione Siciliana, Piersanti Mattarella, assassinato il 6 gennaio del 1980 in via della Libertà, a Palermo, ha sottolineato: «Da 38 anni si ripete questo momento di dolore e commozione, nel ricordo di quella mattina in cui ero il pm di turno. Fui chiamato a fare il sopralluogo e a fare i conti con la triste realtà».
Assieme al presidente del Senato Pietro Grasso, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il sindaco Leoluca Orlando e il prefetto Antonella De Miro, i rappresentanti delle forze dell’ordine, autorità civili e religiose.

Alla cerimonia di commemorazione erano presenti i familiari di Piersanti, tra cui la figlia, Maria Mattarella, recentemente nominata al vertice della burocrazia regionale, con l’incarico di segretaria generale, dopo avere guidato l’Ufficio legislativo e legale; nonché parenti di altre vittime, come Vincenzo Agostino con la sua lunga barba bianca che da decenni reclama giustizia per il figlio anch’esso ucciso dalla mafia.

In merito all’avvenimento Grasso, alto rappresentante dello stato ha detto: «Mattarella rappresentava la svolta e il cambiamento per la Sicilia. Aveva iniziato una politica di rinnovamento basata sulla meritocrazia, sulla legge urbanistica che difendeva il suolo, sulle rotazioni nei collaudi. Tutta una serie di provvedimenti che davano un volto diverso della Sicilia e rompevano gli interessi politico-mafiosi. La sua uccisione segna uno stallo in questo rinnovamento. Una sorta di ritorno all’antico. Una forma d’intimidazione per tutti coloro che osavano contrastare la mafia e i suoi interessi».

E ancora, rispondendo ai giornalisti, il presidente del Senato Pietro Grasso ha ribadito: «Lascio le valutazioni ai magistrati, le indagini non finiscono mai, non devono finire mai, perché la verità va cercata sempre, in ogni momento: non ci dobbiamo mai arrendere. Vedremo se ci saranno ulteriori riscontri su questa ‘pista nera’ che non contrasta con il quadro di una convergenza di interessi, di una simbiosi tra politica e mafia e anche di interessi prettamente politici, che hanno voluto fermare l’azione politica di Piersanti Mattarella, la sua azione di pulizia e di sconfitta di questi interessi».

Grasso ha aggiunto: «Le cause della morte di Mattarella sono note. I mandanti mafiosi sono stati condannati, ma ancora dopo tanti anni non si è riusciti a individuare i killer. Io ho sempre chiesto a tutti i collaboratori di giustizia informazioni sugli esecutori materiali dell’omicidio Mattarella. Ho sempre la speranza che arrivi qualcosa di nuovo. Ci sono ulteriori elementi al vaglio della magistratura». Inoltre il presidente del Senato ha ricordato quel periodo in Italia durante il quale vi era stata una convergenza tra la mafia e altre organizzazioni occulte per bloccare il rinnovamento politico. Grasso ha aggiunto: «Pochi mesi prima del 6 gennaio 1980 c’era stato l’omicidio di Mario Francese, di Boris Giuliano e del giudice Cesare Terranova. La mafia bloccava tutti coloro che contrastavano i suoi interessi Non dimentichiamo che il giorno in cui Piersanti Mattarella si è insediato alla Regione gli è arrivata la notizia del sequestro di Aldo Moro. Questo slancio e il suo rinnovamento politico per combattere gli interessi politico mafiosi aveva ottenuto l’appoggio esterno della sinistra».

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci anch’egli interagendo con i giornalisti ha detto: «Partecipo alla mia prima commemorazione del presidente Piersanti Mattarella e lo faccio nella consapevolezza di rendere omaggio, interpretando il pensiero di tutta la comunità siciliana, a un presidente che ha introdotto l’innovazione nel rapporto tra istituzione e società. Un presidente che voleva una Regione con le carte in regola. Se lo avessimo tutti ascoltato le condizioni della Regione oggi sarebbero diverse e il rapporto di sfiducia dei cittadini con l’istituzione non toccherebbe la percentuale bassissima che tocca: siamo al 12%. Segno evidente che tra la piazza e il palazzo c’è un divario profondo che dobbiamo necessariamente colmare con l’esempio e le buone pratiche».

Il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione parlamentare antimafia ha aggiunto: «La figura di Piersanti Mattarella rappresenta una risorsa preziosa di buona politica e impegno antimafia. Il suo assassinio è una ferita ancora aperta per la nostra democrazia». E ancora ha aggiunto: «Sono passati tanti anni ma la sua storia e il suo insegnamento sono attualissimi. Sono un programma ideale e politico aperto del cammino che dovremmo fare, soprattutto in questi perigliosi momenti della vita politica siciliana e nazionale». Continua Lumia: «È una ferita ancora aperta perché non ci si può rassegnare alla verità giudiziaria fin qui raggiunta. Ha fatto bene la Procura di Palermo, guidata da Lo Voi, a riaprire il caso. Mafia, politica, affari, apparati e trame nere hanno fatto capolino intorno a questo omicidio che ha segnato la storia della Sicilia».

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook