Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PRESIDENTE SENATO RICORDA FAVA TRUCIDATO DALLA MAFIA

PRESIDENTE SENATO RICORDA FAVA TRUCIDATO DALLA MAFIA

Per il 34° anniversario dell’omicidio del giornalista e scrittore Giuseppe Fava ucciso dalla mafia, il presidente del Senato Pietro Grasso, ricorda il giornalista: «Fava simbolo di lotta alla mafia» e poi afferma, «La sua colpa è stata quella di raccontare sempre la verità».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRESIDENTE SENATO RICORDA FAVA TRUCIDATO DALLA MAFIA –

Ricorre oggi il 34° anniversario dell’omicidio del giornalista e scrittore Giuseppe Fava, ucciso dalla mafia nel 1984 davanti all’ingresso del teatro Stabile di Catania. Fava aveva parcheggiato la sua Renault 5 e stava per aprire la portiera quando un killer sparò attraverso il finestrino: cinque proiettili calibro 7,65 lo raggiunsero al collo e alla nuca.

In un post su Facebook, il Presidente del Senato e leader di Liberi e Uguali Pietro Grasso scrive: «La sua colpa è stata quella di raccontare sempre la verità, svelando gli intrecci tra mafia, politica e affari della sua Catania. Ripeteva: ‘a che serve essere vivi, se non si ha il coraggio di lottare?’. Celebrarlo e ricordarne gli insegnamenti significa anche schierarsi ogni giorno dalla parte di chi – come lui – ha scelto di combattere le mafie con la forza delle parole».

La prima Corte d’Assise di Catania, per l’uccisione di Giuseppe Fava ha condannato il boss Nitto Santapaola e Aldo Ercolano, ritenendoli mandanti, e Marcello D’Agata, Francesco Giammuso e Vincenzo Santapaola, come organizzatori ed esecutori dell’omicidio.

La Corte d’appello di Catania ha poi confermato le condanne all’ergastolo per Nitto Santapaola e Aldo Ercolano, mentre ha assolto D’Agata, Giammuso e Vincenzo Santapaola che in primo grado erano stati condannati all’ergastolo come esecutori dell’omicidio. Sentenza che è stata confermata in Cassazione nel mese di novembre del 2003.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook