MUSUMECI, L’AMARO RESOCONTO SUI CONTI DELLA REGIONE

MUSUMECI, L’AMARO RESOCONTO SUI CONTI DELLA REGIONE

Il presidente Musumeci e il vice assessore all’Economia Armao a Palermo: «Nessuna illusione per i prossimi 3 anni. C’è un disavanzo di 5,9 miliardi. Abbiamo ereditato una economia che oggi appare sostanzialmente stagnante e che non consente la crescita».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUSUMECI, L’AMARO RESOCONTO SUI CONTI DELLA REGIONE –

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in conferenza stampa, a Palermo, è intervenuto sulle criticità’ riscontrate nei conti dell’Ente: «Abbiamo trovato una Regione con un disavanzo di 5,9 miliardi ed un indebitamento di 8 miliardi e 35 milioni di euro» e poi con preoccupazione ha detto: «Ancora non sappiamo la cifra esatta dei debiti fuori bilancio della Regione Siciliana». Poi ha aggiunto: «Sulle società’ partecipate non è stata fatta una ricognizione, così come manca una ricognizione del patrimonio, mi risulta che alcuni beni immobili non sono neppure stati catastati». E ancora sottolinea Musumeci: «Una ricognizione, che su richiesta dei magistrati contabili, andava fatta entro la fine del 2017».

Il presidente ha inoltre ammesso: «Abbiamo ereditato una economia che oggi appare sostanzialmente stagnante e che non consente la crescita della regione. Con il bilancio che abbiamo trovato non possiamo farci grandi illusioni, almeno per i prossimi tre anni. Questa situazione peserà’ sulla libertà’ di manovra dell’Esecutivo. Bisognerà’ pensare prima di tutto a contenere la spesa pubblica e a rilanciare gli investimenti per alimentare la crescita».

Poi affrontando la questione Riscossione Sicilia ha detto: «Non posso dire adesso qual e’ la mia idea, la proporrò’ in Giunta, tenuto conto che ci muoviamo in un contesto normativo che è quello definito dal Parlamento lo scorso agosto». Inoltre il vicepresidente della Regione Siciliana e assessore all’Economia, Gaetano Armao, bocciando il patto sui conti pubblici stipulato lo scorso anno tra Rosario Crocetta e Matteo Renzi afferma: «Riteniamo che le pretese che trovano fondamento nelle norme statutarie, non siano ritrattabili da un esecutivo regionale». Armao ha esposto i risultati della ricognizione dei conti regionali affrontata nelle scorse settimane dalla Commissione di verifica dei conti della Regione, istituita dallo stesso assessore all’Economia.

In merito, aggiunge Armao: «E’ necessario un nuovo patto tra Stato e Regione. Il presidente Musumeci condurrà’ la trattativa con la mia collaborazione per una nuova versione dell’Autonomia. Serve una Regione con le carte in regola e con i conti in regola. Le rivendicazioni vuote non servono». In conclusione: «Urgente è il completamento della ricognizione del patrimonio. Ogni euro che non metti a patrimonio, te lo ritrovi come mancata copertura. Per questo è indispensabile fare in fretta. Ho già’ parlato con l’assessore Sgarbi, per un’azione congiunta sul fronte del patrimonio culturale e monumentale».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook