Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SPARATORIA NEL ‘PALAZZO DI FERRO’ A PALERMO

SPARATORIA NEL ‘PALAZZO DI FERRO’ A PALERMO

Agguato al palazzo di ferro a Palermo. La presunta vittima sfugge all’agguato di via Brigata Aosta, feriti la madre e il cognato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SPARATORIA NEL ‘PALAZZO DI FERRO’ A PALERMO –

l’agguato del ‘palazzo di ferro’ era stato organizzato probabilmente per Francesco Fagale, che era residente in quel plesso e che le forze dell’ordine conoscono bene perchè nel 2016 fu accusato di una truffa a Bologna. Ma il killer, o forse i killer, sembra siano stati alquanto maldestri. Gli investigatori indagano sulla sparatoria di ieri sera all’interno di quello che viene chiamato ‘il palazzo di ferro’ un condominio di grandi dimensioni di via Brigata Aosta, 56 a pochi passi dai Cantieri Navali che i residenti della zona chimano ‘la succursale dello Zen 2’. In quel palazzo spesso le forze dell’ordine si trovano a intervenire. Torna così d’attualità, il “Palazzo di ferro”, otto piani angusti in cui abitano più di 70 famiglie. Proprio due anni fa, durante il processo Apocalisse, il pentito Vito Galatolo aveva raccontato di un periodo di latitanza trascorso da Matteo Messina Denaro, proprio in questo edificio, sotto la responsabilità dei mafiosi dell’Acquasanta.

Ma la sparatoria di ieri sera ha fatto traboccare l’acqua dal vaso. Il killer (si pensa ci fosse un complice ad attenderlo in ciclomotore) avrebbe fatto fuoco contro Fragale dalla strada con l’obiettivo di colpirlo in cucina attraverso la finestra aperta. Ma il tentativo è andato a vuoto. Infatti i proiettili lo avrebbero mancato. Però il killer non si sarebbe arreso e avrebbe fatto irruzione nel palazzo con la precisa intenzione di uccidere. Ne sarebbe scaturita un inseguimento per le scale e una rocambolesca caccia all’uomo. Al secondo piano altri spari, ma a essere colpita era la madre di Fragale: Teresa Caviglia di 49 anni. E ancora, al quarto piano altri colpi dove è stato ferito il cognato: Gaetano La Vecchia di 24. Il killer sarebbe arrivato sino al tetto, ma, forse udite le sirene delle volanti, avrebbe subito abbandonato l’impresa. le due vittime sono state soccorse: la donna ferita al braccio, mentre l’uomo all’inguine. Ambedue sono stati trasportati nell’ospedale palermitano ‘Villa Sofia’. Arrivati al pronto soccorso le condizioni del ragazzo sono state ritenute più serie.

Dopo l’evento sono subito iniziati i rilievi della scientifica, le perquisizioni e gli interrogatori ma i residenti del Palazzo di ferro negano perfino di aver udito i colpi di pistola. Mentre la polizia effettuava gli accertamenti del caso si è verificato un altro evento: da una finestra della scalinata fra il 4 e il quinto piano è stato lanciato in strada uno zainetto. All’interno del quale sono trovati trenta panetti di hashish. Qualcuno ha voluto disfarsene visto che il palazzo era stato posto ‘a ferro e fuoco’ dalla polizia che perquisiva in maniera capillare qualsiasi parte del condominio in questione. Sul luogo poco dopo gli spari, sono arrivate sette volanti, oltre agli agenti della Mobile e della Scientifica, che poco dopo hanno trovato un proiettile in strada. Continuano le indagini per individuare la singola persona o il gruppo di fuoco e le motivazioni per le quali si aveva intenzione di uccidere.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook